Coronavirus: 65 positivi più di ieri in Sicilia, aumentano i decessi :ilSicilia.it

il bollettino

Coronavirus: 65 positivi più di ieri in Sicilia, aumentano i decessi

di
14 Settembre 2020

In Sicilia, nelle ultime 24 ore, sono 65 i nuovi positivi al Coronavirus, a fronte di 2.158 tamponi eseguiti, su un totale di 402.836 da inizio pandemia. E’ quanto si legge nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile di oggi.

I DATI

Il totale delle persone attualmente positive in Sicilia arriva a 1.842, mentre si sono registrati due decessi. I casi totali da inizio pandemia, invece, passano a 5.306. Le persone al momento ricoverate con sintomi, in regione, sono 136, di cui 16 in terapia intensiva, mentre sono 1.690 i soggetti in isolamento domiciliare.I guariti/dimessi dall’inizio dell’emergenza sono 3.172.

La Regione Siciliana ha comunicato, inoltre, che dei 65 nuovi casi positivi di oggi, sei sono migranti ospiti nell’hotspot di Lampedusa.

I 65 nuovi positivi sono così divisi: 4 ad Agrigento, 9 a Catania, 43 a Palermo di cui 6 migranti, 3 a Siracusa, 6 a Trapani. i guariti sono 14.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.