Coronavirus: 8 nuovi decessi in Sicilia, 10.779 i morti in Italia :ilSicilia.it

I NUOVI DATI

Coronavirus: 8 nuovi decessi in Sicilia, 10.779 i morti in Italia

29 Marzo 2020

Nell’aggiornamento delle ore 17, la Regione Siciliana ha pubblicato i nuovi dati sull’emergenza coronavirus in Sicilia.

Dall’inizio dei controlli, sono stati effettuati 13.814 tamponi.  Di questi sono risultati positivi 1.460 (+101 rispetto a ieri), mentre sono attualmente malate 1.330 persone (+88).

Sono ricoverati 522 pazienti (+10 rispetto a ieri), di cui 71 in terapia intensiva (uguale), mentre 808 (+67) sono in isolamento domiciliare, 65 guariti (+5) e 65 deceduti (+8).

Nel frattempo, è stata resa nota la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 75 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 61 (19, 3, 4); Catania, 368 (136, 16, 23); Enna, 181 (92, 1, 10); Messina, 266 (129, 8, 15); Palermo, 216 (78, 14, 6); Ragusa, 27 (7, 3, 2); Siracusa, 66 (35, 18, 3); Trapani, 70 (26, 0, 1).

Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.

I DATI IN ITALIA

Intanto, nella consueta conferenza stampa serale, la Protezione Civile ha fornito i nuovi dati sull’emergenza coronavirus in Italia.

Il conto delle vittime in Italia ha raggiunto i 10.779 morti, con un aumento rispetto a ieri di 756 unità.

Sono complessivamente 73880 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 3851 malati.

Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto quota 97.689.

I casi di positività registrati oggi ammontano a 5217 unità.

Con riguardo agli attualmente positivi, sono 3906  i malati ricoverati in terapia intensiva. Sono poi ricoverati con sintomi  27386 soggetti e 42588 sono quelli in isolamento domiciliare.

Sono 13030 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 646 in più di ieri.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.