Coronavirus: a Lampedusa mancano le ambulanze, positivi trasportati in auto :ilSicilia.it
Agrigento

INTANTO RIPRENDONO GLI SBARCHI

Coronavirus: a Lampedusa mancano le ambulanze, positivi trasportati in auto

di
31 Luglio 2020

Incredibile quanto accaduto a Lampedusa (AG).

I migranti risultati positivi al coronavirus sono stati trasportati all’aeroporto dell’isola agrigentina con la Citroen Mehari di proprietà del direttore dell’hotsport, Gian Lorenzo Marinese. Il motivo? La mancanza di ambulanze.

LE DICHIARAZIONI DEL DIRETTORE MARINESE

Quando mi è stato chiesto se potevo mettere a disposizione la mia vettura privata per trasferire i due positivi al Covid, non sono riuscito a dire di no – ha spiegato il direttore del centro -. Quindi, seguendo il mio spirito collaborativo, abbiamo fatto tutto il percorso da contrada Imbriacola fino all’interno dell’aeroporto a forte velocità, scortati da due macchine della polizia di stato“.

In aeroporto poi, – ha spiegato – abbiamo trovato personale sanitario attrezzato che ha preso in carico i due e li ha portati via in aereo seguendo minuziosamente tutte le pratiche anticovid“.

Trovo molto discutibile se non scandaloso – ha continuato Marinese – che nonostante ci siano condizioni estreme qui a Lampedusa, nessuno abbia provveduto fino ad oggi di fare arrivare sull’isola un’ambulanza che possa trasferire positivi. Ora, sto facendo sanificare la mia macchina e ovviamente, sto prendendo tutte le precauzioni possibili anche perchè qui ci vivo con la mia famiglia“.

Non si sa invece, quando saranno trasferiti gli altri due positivi, che al momento si trovano in isolamento all’interno del centro.

INTANTO RIPRENDONO GLI SBARCHI

Intanto, la tregua a Lampedusa è durata poco meno di 24 ore.

Gli sbarchi di migranti sull’Isola sono ripresi nuovamente. Al molo commerciale sono già arrivati, dopo essere stati soccorsi da una motovedetta della Guardia costiera, 41 tunisini.

Ma sono in arrivo altri gruppi di migranti, sempre soccorsi dalla Capitaneria: in tutto un centinaio di persone. Le forze dell’ordine e i volontari sono tornati tutti al molo commerciale per l’accoglienza. Dopo la rilevazione della temperatura, i profughi verranno trasferiti all’hotspot dell’isola dove al momento ci sono 553 ospiti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti