Coronavirus a Palermo: 198 aziende chiedono di riaprire l'attività :ilSicilia.it
Palermo

Lo rende noto il Comune

Coronavirus a Palermo: 198 aziende chiedono di riaprire l’attività

9 Aprile 2020

Riaprire aziende e locali e sospendere il lockdown per i cittadini? Le ipotesi in campo sono tante, ma non tutti sembrano essere d’accordo sul da farsi.

Intanto, complessivamente, sono state valutate 152 istanze delle 198 presentate dalle aziende che richiedono di continuare in deroga la propria attività.

Lo rende noto il Comune di Palermo, precisando in una nota che “la valutazione delle istanze presentate dalle aziende per continuare in deroga la loro attività, in base ai codici Ateco, è stata espletata, su disposizione del sindaco Leoluca Orlando e di concerto con la Prefettura di Palermo, anche dalla Città Metropolitana di Palermo e che il coordinamento è stato affidato al responsabile dell’Area Sviluppo Economico, Filippo Spallina“.

In merito – prosegue la nota – la Prefettura, per le valutazioni, ha già inviato all’Area Sviluppo Economico 198 istanze aziendali. Di queste, 152 sono state già valutate e, per gli atti di sua competenza, trasmesse già alla Prefettura di Palermo. Le residue 46 valutazioni aziendali saranno trasmesse entro pochi giorni“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.