Coronavirus: a Palermo 28 cinesi in quarantena :ilSicilia.it
Palermo

Su consiglio dell'ambasciata cinese

Coronavirus: a Palermo 28 cinesi in quarantena

di
12 Febbraio 2020

Sono 28 i cinesi residenti a Palermo che attualmente si trovano in auto-isolamento per 15 giorni, dopo essere tornati a fine gennaio dalla Cina, dove erano andati per il Capodanno.

Lo conferma il presidente dell’associazione Cinesi d’Oltremare, Han Guangrong, che ha seguito le indicazione arrivate dall’ambasciata cinese alle comunità nel territorio italiano.

“Abbiamo affittato alcuni appartamenti per accogliere i 28 concittadini che in via precauzionale staranno in quarantena per quattordici giorni. Il nostro compito è quello di rifornirli quotidianamente di tutto ciò che serve durante l’isolamento – ha detto il presidente – Facciamo questo con lo scopo di fare prevenzione contro il Coronavirus“.

Nel quartiere di provenienza della città di Wenzhou, nella parte sud orientale della provincia cinese dello Zhejiang, da dove provengono le persone adesso in quarantena, non ci sono stati casi di contagio. Tuttavia, non appena hanno messo piede a Palermo, tutti dotati di mascherina, l’associazione ha organizzato il trasferimento immediato negli appartamenti, dove stanno trascorrendo la quarantena. Molti di loro, partiti senza famiglia, ora non possono incontrare mogli e figli.

“La comunità cinese a Palermo – conclude Guangrong – monitora continuamente il flusso dei concittadini che arrivano in città, per prevenire, informare e tranquillizzare tutti”.

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, cinque siciliani in quarantena

Coronavirus: in Sicilia porti e aeroporti monitorati a tappeto

Coronavirus, controlli con gli scanner anche all’aeroporto di Palermo

Coronavirus, oltre mille morti e ora attacca anche chi non è stato in Cina

Coronavirus, oltre 43 mila contagi. Ecco la mappa della sua diffusione

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.