Coronavirus a Palermo, assessore D'Agostino: "Nessun blocco dei pagamenti da parte dell'Amministrazione" :ilSicilia.it
Palermo

la nota

Coronavirus a Palermo, assessore D’Agostino: “Nessun blocco dei pagamenti da parte dell’Amministrazione”

25 Marzo 2020

Nessun blocco dei pagamenti e dei procedimenti di pagamento in corso. Lo chiarisce l’Assessore Roberto D’Agostino smentendo che, a causa dell’emergenza in corso, sia stato disposto il blocco dei pagamenti da parte dell’Amministrazione.

“In queste ore di estrema difficoltà per tutti i cittadini, per le imprese e per i servizi, le Amministrazioni comunali stanno affrontato uno sforzo straordinario per fronteggiare l’emergenza dichiara l’assessore -. Di fronte alle difficoltà e alla inevitabile contrazione delle entrate se non subentreranno nuovi provvedimenti da parte dei Governi nazionale e regionale, anche il Comune di Palermo si sta attrezzando per fronteggiare quella che non è ancora una emergenza ma potrebbe diventarlo.”

La nota predisposta dal Ragioniere generale ed inviata a tutti gli uffici nei giorni scorsi, sottolineando la difficile situazione finanziaria e di cassa che si prospetta con l’interruzione dei pagamenti e con la riduzione di entrate correnti dai servizi a domanda individuale, cui corrisponde solo una minima riduzione della spesa ordinaria, ha infatti previsto che solo per i futuri impegni di spesa (e non quindi per i procedimenti già avviati) il visto di legittimità contabile sia apposto solo per tutti i provvedimenti legati all’emergenza Covid 19 e alla garanzia di servizi e funzioni essenziali.

Abbiamo una situazione delicata, tutti i Comuni stanno vivendo una situazione delicata – afferma il sindaco Leoluca Orlandoe, anche per questo, proprio il tema della tenuta finanziaria degli Enti locali è al centro della interlocuzione fra ANCI e Governo nazionale. Ma pur di fronte alla difficoltà, nessuno al Comune di Palermo ha pensato di interrompere i pagamenti e comunque si farà fede agli impegni assunti.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona