Coronavirus a Palermo, autore del video allo Sperone a Ferrandelli: "Si na munnizza e un cessu" :ilSicilia.it
Palermo

LA REPLICA DEL CONSIGLIERE DI PIù EUROPA

Coronavirus a Palermo, autore del video allo Sperone a Ferrandelli: “Si na munnizza e un cessu”

di
15 Aprile 2020

Il pensionato Giuseppe Spagnolo, oramai noto ai giornali e alle TV, sembrava essersi pentito in merito al suo video lanciato sui social che lo immortalavano sui tetti di un palazzo dello Sperone, cantando e suonando il giorno di Pasqua, in barba alle misure anti covid-19.

Ma proprio il giorno successivo allo sgombero avvenuto tramite l’intervento delle forze dell’ordine, sui social ha ben pensato di offendere privatamente il consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli, il quale aveva segnalato alle autorità competenti ciò che sta avvenendo sui tetti di corso dei Mille.

Fabrizio si na munnizza e un cesso“, scrive delicatamente Spagnolo al capogruppo di Più Europa a Sala delle Lapidi.

In questa settimana numerosi palermitani mi hanno inviato delle segnalazioni e richieste di intervento che ho puntualmente formalizzato con note ufficiali con numeri di protocollo, alla prefettura alla questura e alla polizia municipale”, commenta Fabrizio Ferrandelli a IlSicilia.it

Non ultima la richiesta di intervento del famoso barbecue sui tetti dello sperone che ha attivato immediatamente l’intervento che ha destato tanto clamore e che purtroppo ha portato negativamente la nostra città alla ribalta nazionale, facendo un torto alla maggioranza dei palermitani rispettosi dei provvedimenti.  In quel caso, l’intervento massiccio delle forze dell’ordine, supportate dall’elicottero, è riuscito a ripristinare la legalità e ad a lanciare un messaggio chiaro alla cittadinanza: chi mette repentaglio la salute degli altri viene perseguito”

Credo che quell’intervento sia stato importante anche in funzione della reiterazione di tali comportamenti nella successiva giornata di Pasquetta. Mi dispiace che a seguito di questo intervento, a tutela della nostra salute, della loro e soprattutto dei bambini incolpevoli, io stesso sia stato destinatario di insulti perfino dei diretti interessati. Se ne facciano una ragione,ma non intendo per nulla abbassare la guardia e continuerò a segnalare costantemente ogni violazione a tutela della salute di tutti”, sottolinea il consigliere comunale

Del resto sono sicuro che a fianco a me c’è quella parte di città che spera in un miglioramento e che richiede controlli. Sto valutando se, nelle prossime ore, formalizzare denuncia, ma di certo ho informato la Digos. L’auspico più importante è che le segnalazioni dei cittadini continuino ad arrivare  e che le istituzioni trovino la capacità di rispondere al grande desiderio di tutela della cittadinanza. Controllo, presenza, e ascolto che dovrebbero essere però indipendenti dallo stato di emergenza attuale, perché da troppi anni le nostre periferie e i nostri quartieri popolari sono abbandonati e lasciati al degrado umano, sociale, economico“, chiosa Fabrizio Ferrandelli.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin