Coronavirus a Palermo, dipendente Amat positivo al tampone: paura di un altro focolaio dopo la Rap :ilSicilia.it
Palermo

LA NOTA DELL'AZIENDA

Coronavirus a Palermo, dipendente Amat positivo al tampone: paura di un altro focolaio dopo la Rap

di
6 Settembre 2020

Dopo i casi della Rap, un’altra azienda municipalizzata di Palermo ha a che fare con il coronavirus.

Un dipendente dell’Amat, l’azienda che gestisce il trasporto urbano nel capoluogo siciliano, è risultato positivo al Coronavirus. L’operaio è impiegato nel settore della segnaletica.

LE PAROLE DI MICHELE CIMINO

Abbiamo avuto la comunicazione della positività del dipendente e dalla prossima settimana inizieremo i tamponi dei dipendenti. Abbiamo già iniziato tutte le procedure di sanificazione previste in questi casi”.

“Posso dire che il lavoratore da alcuni giorni era assente dagli uffici e questo potrebbe avere evitato il diffondersi il virus. Certo, lo sapremo dopo il risultato degli esami“. Afferma Michele Cimino, presidente dell’azienda.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per