Coronavirus a Palermo, dipendenti Rap se ne infischiano dell'ordinanza | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

la segnalazione dei cittadini

Coronavirus a Palermo, dipendenti Rap se ne infischiano dell’ordinanza | VIDEO

18 Marzo 2020

Guarda il video in alto

In questi giorni aiutateci a aiutiamoci in questa catastrofe collettiva. Restate a casa. Restiamo a casa. Aiutiamoci a superare questo terribile momento“. Affermava qualche giorno fa il sindaco di Palermo attraverso i social.

Il risultato? i propri dipendenti senza mascherine scherzano allegramente facendo capannello tra le strade deserte della città. Il grottesco episodio è stato filmato questa mattina dai cittadini residente in via Polito, che hanno notato alcuni netturbini della Rap senza protezioni e senza rispettare alcuna distanza di sicurezza. Gli stessi cittadini hanno denunciato il fatto al consigliere comunale di +Europa Fabrizio Ferrandelli. Il leader dell’opposizione a Palazzo delle Aquile ha riferito l’episodio all’azienda ed ha prontamente trovato risposta da parte dell’amministrazione che ha – a quanto pare –  segnalato i tre dipendenti.

Intanto aumenta, secondo i dati forniti dalla Regione, il numero di contagiati di Coronavirus a Palermo. Sono 21 in tutto i pazienti ricoverati. Proprio ieri un operaio che lavora ai cantieri navali è risultato positivo al Coronavirus.

Dopo il caso che ha scosso Almaviva, un altro colosso come Fincantieri trema dopo la conferma di un caso di contagio per una delle tute blu che presta servizio per una delle imprese dell’indotto.

Si tratta di un 35enne che attualmente non avrebbe manifestato alcun sintomo. Più serie invece le condizioni del padre, ricoverato in discrete condizioni all’ospedale Cervello. Due colleghi con i quali l’uomo sarebbe entrato in contatto – un operaio e un capo prodotto – sono stati messi in quarantena in via precauzionale.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.