Coronavirus a Palermo, Ferrandelli: "Troppa gente ancora in giro per la città" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

l'iniziativa del consigliere comunale

Coronavirus a Palermo, Ferrandelli: “Troppa gente ancora in giro per la città” | VIDEO

6 Aprile 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il consigliere Fabrizio Ferrandelli ha utilizzato i mezzi della protezione civile con megafono, avendo dato la sua disponibilità ad andare in giro, per sensibilizzare e segnalare chi trasgredisce l’ordinanza di quarantena a causa del coronavirus.

Il capo dell’opposizione ha viaggiato attraverso le borgate dello Zen, Borgo Vecchio, Tommaso Natale, Arenella etc.  Ma anche il centro storico. Numerose le persone per strada che ha cercato di sensibilizzare dicendogli di “andare a casa“.

Da questo giro per i quartieri popolari vedo che c’è troppa gente ancora in giro. Persone che non recepiscono le direttive. Dietro la scusa della spesa o della flessibilità troppe persone utilizzano alcune scuse per aggirare l’ordinanza.”Afferma Ferrandelli a IlSicilia.it.

“Io credo – conclude il consigliere comunale – che il volontariato anche istituzionale in un momento di emergenza come questo sia davvero importante. Per cui invito ad iscriversi alla protezione civile, anche a molti miei colleghi e di rendere un servizio ausiliare a quello del comune per poter sensibilizzare un numero crescente di palermitani“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.