Coronavirus a Palermo, il Palazzo Reale chiude per quattro giorni | ilSicilia.it :ilSicilia.it

lo ha stabilito il presidente Ars Micciché

Coronavirus a Palermo, il Palazzo Reale chiude per quattro giorni

26 Febbraio 2020

Il Palazzo Reale di Palermo, sede del Parlamento regionale siciliano, chiuderà per quattro giorni per consentire la disinfestazione dell’intero edificio. Lo ha appena stabilito il Consiglio di presidenza dell’Ars, presieduto da Gianfranco Miccichè, come misura di prevenzione all’emergenza coronavirus. Il Palazzo chiuderà domani e riaprirà lunedì prossimo.

Il presidente Miccichè ha specificato che “domani il palazzo sarà inaccessibile ai soli turisti mentre da venerdì a domenica anche al personale dell’Assemblea per permettere la sanificazione dell’intero edificio”.

Miccichè ha chiarito, inoltre, che la comitiva di turisti bergamaschi – tre dei quali positivi al coronavirus e il resto in quarantena nell’hotel Mercure a Palermo – non è stata in visita a Palazzo Reale.

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona