Coronavirus a Palermo. Parla l'autore del video allo Sperone: "Chiedo scusa non volevo offendere nessuno" :ilSicilia.it
Palermo

l'intervista a ilsicilia.it

Coronavirus a Palermo. Parla l’autore del video allo Sperone: “Chiedo scusa non volevo offendere nessuno”

di
13 Aprile 2020

Chiedo scusa alla mia Sicilia e a tutte le persone che soffrono la perdita del proprio caro e alle persone che sono state contagiate”. Queste le parole di Giuseppe Spagnolo, l’autore del video della festa sui tetti allo Sperone per il giorno di Pasqua. Le riprese che hanno fatto indignare tutto il web e le tv nazionali.

Giuseppe Spagnolo

Sicuramente non l’ho fatto per sfottere qualcuno. Soprattutto le persone che soffrono la perdita di un proprio caro”. Afferma Spagnolo

La grigliata sul tetto è svanita nel nulla non appena sono arrivate in massa le forze dell’ordine. Pattuglie di polizia, guardia di finanza, carabinieri e agenti di polizia municipale sono arrivati dallo Sperone dopo la segnalazione fatta dal sindaco Leoluca Orlando che su Twitter ha scritto “Incoscienti criminali”.

Le forze dell’ordine sono al lavoro per identificare i partecipanti al festino. Rischiano sanzioni amministrative per le violazioni alle misure sul contenimento del Covid-19, ma anche segnalazioni al Tribunale dei Minorenni per i bambini tenuti senza i requisiti di sicurezza in una terrazza priva di parapetti, oltre a una denuncia penale per i fuochi d’artificio non autorizzati.

La mia famiglia ha rispettato l’ordinanza. Siamo a casa da 45 giorni. Non è mai uscito nessuno. Solo io ogni tanto per fare la spesa. Ci siamo riuniti sul tetto del condominio. Io non ho minorenni. Non posso dire agli altri residenti  cosa fare dei propri bambini”.  Continua il pensionato. “La gente mi sta torturando e offendendo da ogni parte del mondo per il video che ho fatto. Mi spiace“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin