Coronavirus a Palermo: porta del cibo alla propria compagna, multato :ilSicilia.it
Palermo

EMESSA SANZIONE AMMINISTRATIVA DA 533 EURO

Coronavirus a Palermo: porta del cibo alla propria compagna, multato

di
27 Aprile 2020

Continuano le segnalazioni, registrate in tutta Italia, relative alle emissioni di verbali, da parte delle Forze dell’Ordine, che non terrebbero conto delle effettive motivazioni riportate nelle dichiarazioni esibite dai cittadini.

Il fatto stavolta è accaduto a Palermo, più precisamente domenica 26 aprile. La storia riguarda Alessandro Pirrotta, al quale è stato formalizzato un verbale da 533 euro dopo essere stato fermato, da alcune volanti della Polizia di Stato, ad un posto di blocco in viale Regione siciliana.

Pirrotta si sarebbe recato a casa della sua fidanzata per portarle del cibo per il pranzo, in quanto impossibilitata a recuperarlo anche con richieste di consegne a domicilio, considerato che il servizio nei giorni feriali è sospeso.

Al ritorno, all’altezza di Fondo di Carlo, sito in viale Regione Siciliana a Palermo, fermato per un controllo, nonostante Pirrotta fosse munito di autocertificazione, che a norma di legge lascia il tempo che trova secondo l’articolo 13 della Costituzione (il DPCM è appunto un decreto non una legge codificata – ndr), dopo aver mostrato documenti personali e del veicolo, gli è stata notificata la sanzione che, secondo lo stesso Pirrotta, non terrebbe conto della reale motivazione addotta per lo spostamento, tanto da non essere stata nemmeno riportata tra le note del verbale.

verbale coronavirus

Non ho alcuna intenzione di pagare questo verbale – ha dichiarato Pirrotta – perché avevo una giusta motivazione per il mio spostamento, che loro non hanno minimante tenuto in considerazione, l’unico mio errore è stato non leggere il verbale, fidandomi del fatto che avessero riportato la mia dichiarazione, e firmarlo. Questa mattina ho già contattato il mio avvocato, procederò secondo le vie legali, perché trovo ingiusto che nonostante abbia rispetto tutte le norme, compreso l’autocertificazione compilata che è già un abuso, si verifichino queste situazioni. Sembra che abbiano solo bisogno di fare cassa, siamo in dittatura”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.