Coronavirus a Palermo, soccorritore del 118: "Le istituzioni e i cittadini ci aiutino. Siamo in guerra" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

le parole di carlo alagna

Coronavirus a Palermo, soccorritore del 118: “Le istituzioni e i cittadini ci aiutino. Siamo in guerra” | VIDEO

di
20 Marzo 2020

Un contagiato di coronavirus tra i dipendenti del 118 non fa arrestare i soccorsi per strada. La paura è tanta ma, a quanto pare, le ambulanze sfrecciano nelle strade della Sicilia grazie alla voglia di tanti uomini che ogni giorno “hanno lo spirito e la voglia di aiutare il prossimo prevalendo al pericolo”.

Carlo Alagna è uno dei tanti autisti-soccorritori del 118. Lui lavora alla Seus dal 1998. Carlo è anche il presidente del comitato provinciale Mud Sicilia.

Racconta a IlSicilia.it la vita e le fatiche che in queste ore sta attraversando chi è schierato in prima linea per cercare di soccombere l’emergenza del covid-19. Carlo lo chiama il “nemico invisibile” e tecnicamente la situazione attuale, senza giri di parole per lui è una: “guerra”.

Noi siamo in prima linea, stiamo lottando contro un nemico invisibile e con tutte queste difficoltà con cui ci ritroviamo a vivere”. Afferma Carlo Alagna. “Abbiamo carenza di dpi (dispositivi di disposizioni individuali) a norma che ci possono proteggere dal covid-19. Purtroppo abbiamo già un collega positivo. Teniamo a far capire all’utente e alle persone che in questo momento siamo sotto una grande pressione. I cittadini ci possono aiutare seguendo le disposizioni del nuovo decreto diramato da Musumeci”.

L’autista del 118 fa un appello ai siciliani ma anche a tutte le istituzioni di ogni livello. “Solo in veri casi di necessità bisogna contattare la centrale unica di emergenza che già sta vivendo gradi difficoltà per i grossi flussi di telefonate. Siamo in guerra ed è una guerra invisibile. Non possiamo rischiare di perdere. Noi siamo abbastanza preoccupati ma non ci fermiamo. Lo spirito e la voglia di aiutare il prossimo prevale il pericolo. Questo pericolo si può ridurre grazie ai dpi. Che non vengano a raccontarci dei vari scontri tra politici europei, scontri titanici tra le multinazionali: all’atto pratico a noi servono le mascherine e i camici. Stop. Cosa che ad oggi se il Prefetto di Palermo si alza e precetta tutti i ferramenta e colori del capoluogo ce li potrebbe fare avere. Questa è la realtà. Se l’Italia è tutta zona rossa le contromisure devono essere idonee. Non possiamo andare in guerra uno con le munizioni e uno con il fucile nella speranza che il compagno con il fucile muore e io uso il suo fucile”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.