Coronavirus a Palermo, su Facebook inneggiano alla rivoluzione: "Assaltiamo tir e supermercati" :ilSicilia.it
Palermo

la crisi ai tempi del covid-19

Coronavirus a Palermo, su Facebook inneggiano alla rivoluzione: “Assaltiamo tir e supermercati”

di
27 Marzo 2020

La pandemia da Coronavirus sembra pronta a innescare una “bomba sociale” a Palermo.

L’ennesimo gruppo privato su Facebook che inneggia alla rivoluzione e a proteste di piazza. Il gruppo si chiama “rivoluzione nazionale”. La maggior parte degli utenti che ne fanno parte sono palermitani. Slogan che inneggiano di ridurre a ferro e fuoco la città e tanta rabbia si legge tra le parole che vengono condivise nel gruppo che vanta circa duemila utenti attivi.

Video in cui ci sono palermitani che mettono la propria faccia e denunciano la crisi economica che le persone stanno affrontando. Ma la parola chiave che accomuna tutti è la rivoluzione.Ama a scinniri ne piazzi. Tutti“, scrivono.

E c’è anche chi cerca di organizzarsi per svaligiare i supermercati o i tir che contengono prodotti alimentari . A Palermo inizia ad esserci fame e il mal contento in merito alla politica e le poche certezze economiche che in questi giorni stanno avendo i cittadini potrebbero fare da miccia e far scattare turbolenza sociale.

Inammissibile per chi come me lavorava in nero pagare le bollette e continuare a pagare il mutuo. Il decreto sospensione mutui e solo una presa per il culo! Mi bloccano la parte fissa però vogliono pagati gli interessi che sono ovviamente di più della parte fissa!! Ne ho piene le palle di questo Stato merdoso e manipolatore!!“, afferma Marco.

“Io sono pronto a fare la guerra”, dice Ignazio.

Maschere e mazze verso i palazzi dei propri comuni… buttare tutti fuori ma non toccare ne rubare nulla…  – urla sul gruppo Cosimo – al fine che saranno tutti fuori raccogliere tutti gli effetti personali e consegnarli in un sacco nero fuori… non appena verra qualche telegiornale sempre in maschera e mazza in mano si dichiarano le intenzioni e motivazione dell occupazione e la richiesta del popolo non di 1000 punti ma quei 10 fondamentali ma se siamo 100 per ogni comune attaccatevi al cazzo. Con 40 euro maschera e mazza si trovano… le palle piene le abbiamo anche da vendere. dimenticavo i soldi trovati tutti sparsi nel sacco nero… vedrete loro stavolta litigarsi per quanto era di chi o meno“.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus a Palermo: tensione al Lidl di viale Regione, la gente rifiuta di pagare la spesa

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin