Coronavirus, a Palermo tanti barbieri aperti di nascosto: "Violazioni da Brancaccio alla Noce" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Parla Nunzio Reina, vicepresidente della Camera di Commercio

Coronavirus, a Palermo tanti barbieri aperti di nascosto: “Violazioni da Brancaccio alla Noce” | VIDEO

di
17 Marzo 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Barbieri e parrucchieri che non rispettano la chiusura imposta dalle misure per il contenimento del contagio da Coronavirus a Palermo: decine, anche di più secondo quanto consta a Nunzio Reina, vicepresidente della Camera di Commercio del capoluogo e componente della giunta nazionale di Confesercenti, associazione per cui è responsabile Benessere e parrucchieri. E, non ultimo, barbiere di professione.

A decine le segnalazioni delle violazioni del decreto della Presidenza del Consiglio per evitare il contagio da Covid-19 da parte dei barbieri e dei parrucchieri, in diverse zone della città: da Brancaccio alla Noce, da corso Alberto Amedeo a Tommaso Natale.

“La cosa che mi dispiace è sapere che molti colleghi restano aperti a fare i servizi di nascosto”.

Ma le ‘tentazioni’ arrivano anche dalla clientela: “A un mio dipendente è stato addirittura chiesto di andare a lavorare a casa. È una cosa ridicola“, afferma Reina.

Nunzio Reina
Nunzio Reina

È sconsolato il commento del rappresentante dell’associazione dei commercianti: “Si parla tanto di elevare il prestigio della nostra categoria e poi si fanno queste cose – afferma- e poi ci si riduce a offrire un servizio che servizio non è, è una comodità ingiusta che si offre al beneficiario. In questo caso mi pare manchino tutti i presupposti per portare avanti il progetto di miglioramento della categoria. Mi dissocio da tutti coloro che fanno questo tipo di attività”, dice ancora Reina.

Una presa di posizione che vuole sensibilizzare tutti alla presa di coscienza dell’emergenza in corso e a prendersi carico delle proprie di responsabilità, senza voler far finta di non vedere le conseguenze economiche della chiusura forzata: “Personalmente mi atterrò scrupolosamente alle regole, anche se si dovesse prolungare il periodo di chiusura – afferma Reina – Il momento è difficile per tutti, comunque io resto a casa per l’incolumità dei miei figli, della mia famiglia e della gente che frequento“.

Reina rincara la dose: “Quello che sta succedendo è una mancanza di rispetto nei confronti della categoria e delle persone alzare la saracinesca per poter fare una cosa ridicola nella speranza di poter aumentare la propria clientela, non è questo il modo di fare concorrenza, vince solamente la professionalità. Tutto ciò, invece, offende la categoria. Quelli che restano aperti di nascosto non sono degni di svolgere questa attività“. Infine l’appello: “Chiudete: andate a casa. Soffrirete per un periodo ma avrete la consapevolezza di avere fatto ciò che si doveva fare per superare l’emergenza”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin