Coronavirus, a Palermo tanti barbieri aperti di nascosto: "Violazioni da Brancaccio alla Noce" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Parla Nunzio Reina, vicepresidente della Camera di Commercio

Coronavirus, a Palermo tanti barbieri aperti di nascosto: “Violazioni da Brancaccio alla Noce” | VIDEO

di
17 Marzo 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Barbieri e parrucchieri che non rispettano la chiusura imposta dalle misure per il contenimento del contagio da Coronavirus a Palermo: decine, anche di più secondo quanto consta a Nunzio Reina, vicepresidente della Camera di Commercio del capoluogo e componente della giunta nazionale di Confesercenti, associazione per cui è responsabile Benessere e parrucchieri. E, non ultimo, barbiere di professione.

A decine le segnalazioni delle violazioni del decreto della Presidenza del Consiglio per evitare il contagio da Covid-19 da parte dei barbieri e dei parrucchieri, in diverse zone della città: da Brancaccio alla Noce, da corso Alberto Amedeo a Tommaso Natale.

“La cosa che mi dispiace è sapere che molti colleghi restano aperti a fare i servizi di nascosto”.

Ma le ‘tentazioni’ arrivano anche dalla clientela: “A un mio dipendente è stato addirittura chiesto di andare a lavorare a casa. È una cosa ridicola“, afferma Reina.

Nunzio Reina
Nunzio Reina

È sconsolato il commento del rappresentante dell’associazione dei commercianti: “Si parla tanto di elevare il prestigio della nostra categoria e poi si fanno queste cose – afferma- e poi ci si riduce a offrire un servizio che servizio non è, è una comodità ingiusta che si offre al beneficiario. In questo caso mi pare manchino tutti i presupposti per portare avanti il progetto di miglioramento della categoria. Mi dissocio da tutti coloro che fanno questo tipo di attività”, dice ancora Reina.

Una presa di posizione che vuole sensibilizzare tutti alla presa di coscienza dell’emergenza in corso e a prendersi carico delle proprie di responsabilità, senza voler far finta di non vedere le conseguenze economiche della chiusura forzata: “Personalmente mi atterrò scrupolosamente alle regole, anche se si dovesse prolungare il periodo di chiusura – afferma Reina – Il momento è difficile per tutti, comunque io resto a casa per l’incolumità dei miei figli, della mia famiglia e della gente che frequento“.

Reina rincara la dose: “Quello che sta succedendo è una mancanza di rispetto nei confronti della categoria e delle persone alzare la saracinesca per poter fare una cosa ridicola nella speranza di poter aumentare la propria clientela, non è questo il modo di fare concorrenza, vince solamente la professionalità. Tutto ciò, invece, offende la categoria. Quelli che restano aperti di nascosto non sono degni di svolgere questa attività“. Infine l’appello: “Chiudete: andate a casa. Soffrirete per un periodo ma avrete la consapevolezza di avere fatto ciò che si doveva fare per superare l’emergenza”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro