Coronavirus a Palermo: "Troppi vanno al supermercato per cugghiuniare, scontrini sotto i 10 euro" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

LO SFOGO DI UN DIPENDENTE

Coronavirus a Palermo: “Troppi vanno al supermercato per cugghiuniare, scontrini sotto i 10 euro” | VIDEO

di
1 Aprile 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A noi non ci tutela nessuno. Smettetela di venire due volte al giorno al supermercato. Queste le urla di disperazione da parte di Vincenzo, che è un dipendente del supermercato di via Brunelleschi a Palermo.

Ci hanno detto che un nostro collega di Messina ha preso il Coronavirus, non vogliamo fare la stessa fine“, prosegue il dipendente dell’esercizio commerciale che tenta di educare i residenti della zona ad evitare di uscire e recarsi al supermercato utilizzando come una scusa per fare una passeggiata.

La situazione è molto complicata e difficile. Questo virus non è una malattia. Cerchiamo tutti di aiutarci l’uno con l’altro“.

Poi il consiglio accorato: “C’è gente che viene ogni giorno al supermercato a farsi la passeggiata. Vi mostro gli scontrini: un sacco sotto i 10 euro. Ma che fa, cugghiuniamo?! Dovete scendere solo una volta ogni tre giorni per la spesa”.

Nel frattempo c’è una brusca frenata del numero dei contagi da Coronavirus in Sicilia. Ma dopo tre giorni torna a salire il numero dei tamponi effettuati nell’Isola.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.