Coronavirus: a settembre la scuola potrebbe iniziare con modalità a distanza | ilSicilia.it :ilSicilia.it

lo ha annunciato il ministro azzolina

Coronavirus: a settembre la scuola potrebbe iniziare con modalità a distanza

6 Aprile 2020

E’ previsto un piano per riprendere la scuola in modalità in distanza se si riproponesse il problema coronavirus anche in autunno. E’ uno degli scenari a cui stiamo pensando”.

Lo ha annunciato il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, che fa sapere che dopo l’estate potrebbe non esserci alcun inizio del nuovo anno scolastico, se non a distanza, cioè da casa.

azzolina“Penso al problema atavico alle classi pollaio in cui è difficile tenere il metro di distanza. Con lo staff del Ministero lavoreremo a tutti gli scenari. Domani in Cdm discuteremo a un decreto che farà riferimento anche a questi aspetti”.

“La maggioranza prepara la fine di questo anno scolastico che non sarà perso grazie alla didattica a distanza e prepariamo anche l’inizio del prossimo”, ha proseguito Azzolina. La titolare del Ministero dell’Istruzione ha chiarito che il governo non si è dato una data per decidere se e quando si ritornerà a scuola, “non ci siamo dati una data ma quando si ritornerà a scuola sarà perché avremo la certezza che i figli degli italiani saranno al sicuro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.