Coronavirus, Ada Sicilia: "Gli alberghi sono luoghi sicuri e sanificati" :ilSicilia.it

interviene il presidente Serio

Coronavirus, Ada Sicilia: “Gli alberghi sono luoghi sicuri e sanificati”

26 Febbraio 2020

Il presidente regionale dell’Associazione direttori d’albergo, Venero Serio, interviene sull’emergenza coronavirus rassicurando sulla fruibilità in piena sicurezza delle strutture alberghiere ed esprime, al contempo, solidarietà agli addetti ai lavori delle zone italiane colpite dall’epidemia.

“Mi preme, come presidente di Ada Sicilia – afferma il presidente Serio -, a nome di tutti gli associati, portare la nostra solidarietà ai colleghi Ada e non delle regioni colpite dal covid-19. Purtroppo, la Lombardia e più specificatamente Milano è tra le città più colpite dalle disdette di prenotazioni, con a ridosso grosse manifestazioni dalla moda al mobile. La ricaduta economica sarà inevitabile, e anche nell’indotto ci potrebbe essere, pur se noi ci auguriamo di no, il coinvolgimento di altre realtà”.

“In Sicilia, dopo il primo caso sospetto a Palermo – continua Serio -, stiamo assistendo alle prime cancellazioni, che a parte il comparto scolastico, ad oggi, sono limitate a qualche gruppo e a prenotazioni individuali del periodo in corso. Pertanto, ci auguriamo che la situazione rientri nella piena normalità il prima possibile e che la comunicazione mediatica non ci influenzi in modo negativo. Noi, come manager dell’ospitalità, siamo attori/operatori nel nostro quotidiano ma nello stesso tempo spettatori se le autorità preposte non svolgono in modo efficace i dovuti controlli, ma sembra che la macchina organizzativa sia già in movimento”.

Il massimo responsabile regionale di Ada Sicilia rassicura: “Gli alberghi sono luoghi sicuri e sanificati quotidianamente da sempre, che in Sicilia stanno operando in piena attività”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona