Coronavirus: addio al giornalista Pino Scaccia, storico inviato della Rai :ilSicilia.it

il fatto

Coronavirus: addio al giornalista Pino Scaccia, storico inviato della Rai

di
28 Ottobre 2020

Complicazioni dovute al coronavirus: se n’è andato così a 74 anni Pino Scaccia, giornalista e storico inviato della Rai, ricoverato al San Camillo di Roma.

A darne notizia è l’Usigrai, il sindacato dei giornalisti della Rai, che lo ha definito su Twitter “un cronista di razza, ha dato lustro al Tg1, alla Rai, interpretando i valori del servizio pubblico”.

Giuseppe Scaccianoce, vero nome di Pino Scaccia, aveva seguito per il Tg1 i più importanti avvenimenti degli ultimi 40 anni: dalla prima guerra del Golfo al conflitto serbocroato, dalla fine dell’ex Unione Sovietica alla crisi afghana, oltre al dopoguerra in Iraq e alla rivolta in Libia. Ha realizzato numerosi reportage in tutto il mondo, è stato il primo reporter occidentale a entrare nella centrale di Cernobyl dopo il disastro, a scoprire per primo i resti di Che Guevara in Bolivia e a mostrare le immagini fino a quel momento segrete dell’Area 51 nel deserto del Nevada.

Si è occupato anche di cronaca scrivendo di mafia, terrorismo e sequestri di persona, oltre a riportare terremoti e disastri naturali. Prima di dedicarsi a tempo pieno all’attività di scrittore (ha scritto 15 libri) ha vinto il premio cronista dell’anno per lo scoop su Farouk Kassam, il premio Ilaria Alpi e il premio Paolo Borsellino. È stato docente del master di giornalismo radiotelevisivo all’Università Lumsa di Roma ed era molto attivo sul web con il suo blog La Torre di Babele.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin