Coronavirus, Anci giovani Sicilia: "Più risorse per tutelare i cittadini e il nostro territorio" :ilSicilia.it

L'appello al Governo

Coronavirus, Anci giovani Sicilia: “Più risorse per tutelare i cittadini e il nostro territorio”

26 Marzo 2020

I giovani amministratori dell’Anci chiedono al Governo risorse per un maggiore coinvolgimento dei Comuni nella gestione dell’emergenza Covid-19.

Noi Giovani Amministratori Siciliani siamo in prima linea per la tutela del territorio, garantieri dell’incolumità di tutti i cittadini, fronte Istituzionale di questa guerra, combattuta quotidianamente in trincea“. Così inizia la lettera inviata al Governo.

Le ripetute richieste dei nostri concittadini, che in questa fase risultano smarriti e sconfortati, si scontrano con la penuria di risorse a cui ormai siamo abituati da moltissimo tempo. Appoggiamo le proposte di Anci riguardo il sistema delle autonomie locali – proseguono i giovani amministratori -. Il sistema economico produttivo del paese si è fermato. Purtroppo, la nostra popolazione residente viene messa in enorme difficoltà e pericolo sia dall’incoscienza di chi ritorna in questi giorni presso i propri domicili, sia da chi disattende, per ignoranza e superficilità, le regole e le prescrizioni”.

Noi applichiamo l’interpretazione autentica che si da ai DPCM e alle Ordinanze Regionali e per questo diventa indispensabile che venga utilizzata la stessa diligenza anche da chi è preposto al controllo ed alla gestione della crisi per contenere l’incoscienza civica – viene evidenziato -. L’enorme sforzo che stanno compiendo il personale medico, le forze dell’ordine, tutto il sistema di protezione civile, per supportare gli amministratori richiede un ulteriore dispiego di energie nei nostri comuni attraverso un capillare intervento dell’Esercito su tutto il territorio regionale; nel controllo del rispetto dell’isolamento”.

Lo stress a cui sono sottoposti i comandi di Polizia Locale e le forze dell’ordine non ci consente di poter attendere ulteriormente – concludono i giovani amministratori Anci -. Perché non sia il tempo delle colpe, ma piuttosto delle Responsabilità. Tutelare la salute dei siciliani e il nostro territorio è condicio sine qua non per essere pienamente Istituzione”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona