Coronavirus: ancora positivo esce per fare spesa, denunciato :ilSicilia.it
Caltanissetta

Era stato dimesso da ospedale, accusato di epidemia colposa

Coronavirus: ancora positivo esce per fare spesa, denunciato

3 Aprile 2020

Dimesso da poche ore dal reparto malattie infettive dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, non rispetta l’obbligo di permanenza domiciliare imposto dalle autorità sanitarie, ed esce da casa.

I poliziotti della Digos di Caltanissetta hanno denunciato un nisseno per il reato di epidemia colposa.

controlli-polizia-panoramica-corso-vittorio-emanuele-caltanissettaL’uomo, positivo al Covid-19, è stato sorpreso fuori dalla sua abitazione. Dall’ospedale era stato dimesso perché clinicamente guarito ma gli era stato intimato l’obbligo di permanenza domiciliare poiché ancora positivo al virus e quindi contagioso per gli altri. Per questo motivo, all’atto delle dimissioni, precauzionalmente era stato accompagnato a casa con un’ambulanza del 118.

Incurante di tale obbligo, mettendo in pericolo la salute pubblica, l’uomo è uscito dalla sua abitazione con l’intento di fare la spesa, ma è stato intercettato da una pattuglia della Polizia di Stato impegnata nei controlli di prevenzione e contenimento contro l’epidemia, che l’ha riconosciuto.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.