Coronavirus, Apprendi: "Detenuto morto, bisogna agire in fretta" :ilSicilia.it

le richieste del presidente di Antigone Sicilia

Coronavirus, Apprendi: “Detenuto morto, bisogna agire in fretta”

2 Aprile 2020

Un primo detenuto morto per il coronavirus al carcere la Dozza di Bologna. Si tratta di un uomo di 76 anni, prima ricoverato in ospedale e poi portato agli arresti domiciliari. Pare che nella struttura di Bologna ci siano altri 2 casi fra il personale.

Ministro non c’è più tempo da perdere – urla Pino Apprendi presidente Antigone Sicilia – il provvedimento preso per diminuire la presenza nelle carceri sovraffollate è  assolutamente   inadeguato. Anche in Sicilia é  stato registrato qualche  caso positivo fra gli agenti della Polizia Penitenziaria. Oltre ai 57000 detenuti, ci sono altrettanto persone che lavorano all’interno delle carceri, tutte persone che in qualche  maniera incontrano i ristretti, primi e più  esposti fra tutti gli agenti“.

Non ci sono mura o cancelli che fermino il coronavirus – prosegue il presidente – , é  il momento della responsabilità. Il grande lavoro che  stanno facendo i Magistrati di sorveglianza per mandare agli arresti domiciliari coloro che hanno da scontare una pena fino ad un anno, è  prezioso ma non basta”.

Necessita un atto di coraggio e alleggerire la presenza di almeno altre 15000 detenuti. La proposta dell’onorevole Carmelo Miceli può  essere percorribile. La proposta, prevede  di mandare  agli arresti domiciliari chi deve scontare pene fino a tre anni, fino a quando durerà  l’emergenza coronavirus, per poi valutarne il comportamento per proseguire con la pena alternativa alla detenzione in carcere – conclude Apprenid -.  Dal provvedimento sarebbero esclusi i condannati per mafia e coloro che hanno partecipato a proteste sfociate in violenza”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.