Coronavirus: area test Covid da mille metri quadrati all'aeroporto Falcone Borsellino :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Coronavirus: area test Covid da mille metri quadrati all’aeroporto Falcone Borsellino

di
20 Ottobre 2020

Nasce in aeroporto il nuovo spazio “Covid-19 Test Area”, dove saranno effettuati i tamponi ai passeggeri in arrivo da Belgio, Francia, Paesi Bassi, Inghilterra, Irlanda del Nord, Repubblica Ceca e Spagna (ed eventuali altre provenienze decise dai governi nazionale e regionale).

Oltre mille metri quadrati, tra sale d’attesa e sala test, ubicati nei locali dell’ex Rent a Car, con una batteria di almeno otto postazioni per il prelievo dei tamponi antigienici rapidi gratuiti (referto in 15 minuti, a cura di medici e infermieri dell’Asp di Palermo, coadiuvati dai sanitari dell’Usmaf, l’ufficio della sanità aeroportuale.

All’arrivo in aeroporto i passeggeri dovranno registrarsi sul sito siciliacoronavirus.it. Nella sala ritiro bagagli troveranno un info point, dove dovranno presentare al medico presente al banco l’attestazione di test molecolare o antigenico, effettuato con esito negativo nelle 72 ore antecedenti l’ingresso in Italia. In tale caso, il passeggero non dovrà ripetere il test.

All’info point potranno essere ritirati o scaricati attraverso QR code i moduli cartacei da compilare e consegnare al personale dell’Usmaf al momento di sottoporsi al tampone.

Senza il test effettuato in partenza, infatti, i passeggeri dovranno sottoporsi obbligatoriamente al tampone, che potrà essere effettuato:

–    direttamente in aeroporto (tampone rapido gratuito  con referto in 15 minuti) presso la struttura “Covid 19 – Test Area” raggiungibile a piedi attraverso il percorso pedonale indicato dalla segnaletica all’uscita del terminal arrivi. Il passeggero dovrà esibire la carta di imbarco;

ovvero:

–    entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale, presso le Asp (Azienda sanitaria provinciale) territoriale, con la raccomandazione – in attesa di sottoporsi al test – di restare in isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora, anche temporanea.

Per ridurre i tempi di attesa necessari per lo screening sanitario, Gesap, la società di gestione dell’aeroporto internazionale di Palermo Falcone Borsellino, ha predisposto una pagina sul proprio sito https://www.aeroportodipalermo.it/test-covid19-form/ utile alla compilazione online dei moduli di registrazione necessari per il tampone. L’invio del form di registrazione equivale a una pre-accettazione, ovvero la volontà di fare il tampone una volta arrivati all’aeroporto di Palermo, che potrà essere fatta con largo anticipo rispetto al giorno di arrivo, assieme alla compilazione online dei moduli. La pre-accettazione non determina un ordine di prenotazione, ma riduce notevolmente i tempi di attesa visto che queste procedure vengono fatte di solito a mano dai tecnici Usmaf nella modalità intervista.

LE DICHIARAZIONI

“Esprimo apprezzamento per la capacità dell’aeroporto di adeguarsi velocemente agli standard di sicurezza – afferma Leoluca Orlando, sindaco di Palermo – Questi nuovi spazi, uniti alle procedure online, abbatteranno i tempi di attesa per i test e garantiranno il controllo sui passeggeri in arrivo dai paesi considerati a rischio”.

“Oggi facciamo un passo avanti sui controlli per il contenimento dei contagi – dice Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap -. La Covid Test Area, oltre a essere più ampia dell’attuale sede, sarà in grado di attivare contemporaneamente più postazioni mediche per i test, grazie all’intesa con l’Asp di Palermo per la maggiore dotazione di medici e infermieri sul campo. Siamo soddisfatti – conclude Scalia – del risultato raggiunto con la stretta collaborazione con Asp, Usmaf e con tutti gli enti che operano in aeroporto, a garanzia dei passeggeri e dei cittadini siciliani”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin