Coronavirus, arrivati a Pozzallo 167 siciliani da Malta. Il sindaco: "Servono strutture" :ilSicilia.it
Messina

Musumeci aveva autorizzato il rientro

Coronavirus, arrivati a Pozzallo 167 siciliani da Malta. Il sindaco: “Servono strutture”

di
19 Marzo 2020

Erano in 167 sul cataramano della Virtu Ferries, arrivato mercoledì 18 marzo sera da Malta nel porto di Pozzallo, i passeggeri tutti siciliani che rientravano a causa della chiusura delle attività per l’emergenza del Coronavirus. Molti sono stati costretti a fare rientro nell’Isola.

Le operazioni di sbarco sono state più lunghe del solito perchè ad ogni passeggero è stata controllata la temperatura corporea. “Stavano tutti bene“, dice il medico di porto Vincenzo Morello.

I passeggeri sbarcati per prima e seguiti dagli autisti che trasportavano le derrate alimentari sono in quarantena obbligatoria nelle loro abitazioni e su di loro vi saranno ferrei controlli.

Sul catamarano hanno viaggiato una decina di cittadini di Pozzallo. Era stato il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci ad autorizzare il rientro in Sicilia delle 167 persone che si trovavano a Malta in deroga al decreto di chiusura dei confini siciliani adottato dal ministero dei Trasporti.

Il ritorno dei siciliani da Malta era stato chiesto a gran voce perchè molti isolani si sono trovati senza lavoro.

Intanto il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna ha proposto che la quarantena per chi rientra in Sicilia venga fatta in strutture adeguate.

“Nonostante i rigidi controlli – dice Ammatuna – non è semplice verificare il periodo di due settimane di quarantena non solo di chi è arrivato ieri sera ma anche dei loro familiari conviventi ed inoltre, non è nemmeno facile accertare se le abitazioni sono dotate degli spazi adatti ad ospitare con i criteri necessari l’intero nucleo familiare“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin