Coronavirus, Assostampa a Musumeci: "Serve aiuto per le testate giornalistiche" :ilSicilia.it

la nota del sindacato

Coronavirus, Assostampa a Musumeci: “Serve aiuto per le testate giornalistiche”

26 Marzo 2020

“L’emergenza sanitaria da Coronavirus sta mettendo in difficoltà il già compromesso e fragile tessuto delle imprese editoriali di testate giornalistiche. I fatturati pubblicitari sono crollati, la gente costretta a casa – sbandata e impaurita – evita di uscire a comprare i giornali”.

Lo dice in una nota Assostampa siciliana, il sindacato unitario dei giornalisti che esprime “preoccupazione per la delicatezza del momento”. “Eppure i giornalisti, in questo delicato frangente, sono davvero gli occhi e le orecchie dei cittadini. – prosegue la nota – Portano nelle case gli aggiornamenti, le notizie, i retroscena sull’andamento del contagio anche a rischio della propria salute. Raccontano cosa sta accadendo spesso nello stesso momento in cui accade: un ruolo fondamentale in un tempo emergenziale e particolare della vita italiana in cui si naviga a vista, una bussola insostituibile nel mare di una informazione sempre più inquinata e ingrossata dalle fake-news”.

“A parole tutti, anche le istituzioni, riconoscono il valore all’attività svolta – si aggiunge nella nota -. Ma nei provvedimenti governativi non c’è stata ancora alcuna vera azione a sostegno del nostro settore, sconvolto dall’onda d’urto del Covid-19, se non la previsione del credito d’imposta sulla pubblicità che in questo momento lascia il tempo che trova, proprio in considerazione del fatto che le aziende, grandi o piccole che siano, pensano più a tamponare le falle che ad investire in pubblicità”.

L’Associazione Siciliana si rivolge al governo regionale, chiedendo “un concreto sostegno al settore dell’editoria, già in profonda crisi ancora prima dell’avvitarsi del pericolo sanitario. Servono provvedimenti urgenti che possano dare una boccata d’ossigeno alle testate che rispettano i contratti di lavoro e garantiscono una informazione affidabile e qualificata”.

“Un massiccio piano pubblicitario di comunicazione istituzionale sull’emergenza, ad esempio – prosegue Assostampa Siciliana – potrebbe immediatamente mettere in circolo risorse preziose, soprattutto in questo momento. Ma ci sono anche alcuni impedimenti che immediatamente potrebbero essere rimossi per facilitare la diffusione dei quotidiani: come quello che per ora vieta l’attività di ‘strillonaggio’, una vendita di prossimità – con tutte le garanzie e gli strumenti di protezione imposte dal momento – che potrebbe essere demandata all’organizzazione degli edicolanti”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona