Palermo: "Il bus è troppo pieno", pugno in faccia ad autista Amat :ilSicilia.it
Palermo

superato il limite consentito a bordo, passeggero lo picchia

Palermo: “Il bus è troppo pieno”, pugno in faccia ad autista Amat

di
10 Maggio 2020

Un autista dell’Amat è stato aggredito ieri sera a bordo di un autobus della linea 102 a Palermo, all’angolo tra via Roma e via Cavour. Il conducente del mezzo ha cercato di fare rispettare le disposizioni dell’azienda municipale di Palermo per contenere l’emergenza Coronavirus.

Ha chiesto ad un passeggero di scendere dall’autobus visto che si era superato il limite consentito. Per tutta risposta ha ricevuto un pugno in faccia dall’uomo. L’aggressore, dopo averlo colpito, ha fatto perdere le sue tracce. Sono in corso le indagini della polizia per individuare l’autore del gesto.

Michele Cimino
Michele Cimino

Duro il commento del presidente dell’azienda di via Roccazzo, Michele Cimino“Apprezzo e condivido l’amarezza del Sindaco Orlando per il mancato rispetto delle norme anti Covid di questi giorni. Non possiamo lasciare che ogni giorno il personale Amat per svolgere un servizio pubblico essenziale diventi bersaglio di chi non ha minimamente intenzione di rispettare le ordinanze del presidente del Consiglio Conte o del presidente della Regione Nello Musumeci. Contestualmente è assurdo obbligarci a garantire sicurezza, svolgere il servizio, senza avere gli strumenti per attuarlo al meglio”.

“Il governo nazionale con ordinanza di protezione civile – aggiunge Cimino – potenzi almeno gli organici per garantire il contingentamento degli utenti, da soli siamo abbandonati sebbene i lavoratori Amat non si sono mai fermati garantendo sempre la mobilità con impegno e spirito di abnegazione”.

LE REAZIONI

Il Movimento 5 Stelle Palermo stigmatizza il vile atto ai danni dell’autista AMAT: “Esprimiamo profonda solidarietà nei riguardi dell’autista aggredito e dei suoi colleghi che, ogni giorno, in particolar modo in questa fase di ripartenza, svolgono un servizio prezioso quanto delicato per l’intera collettività. Quello che si è consumato sotto gli occhi di tutti è un atto vergognoso e vile. Auspichiamo – scrivono Concetta Amella, Viviana Lo Monaco e Antonino Randazzo che il responsabile sia presto assicurato alla giustizia e che sia intensificata la rete dei controlli da parte delle forze dell’ordine”.

Anche il gruppo consiliare della Lega di Palermo, per bocca del suo capogruppo Igor Gelarda con i consiglieri Marianna Caronia, Alessandro Anello ed Elio Ficarra, esprime massima solidarietà all’autista “che è stato vigliaccamente colpito stamattina per avere tentato di fare applicare le regole sulla distanza anticovid. E solidarietà a tutti coloro che in questo momento, all’amat ma non solo, stanno continuando a garantire il servizio pubblico. Speriamo che questo gesto faccia comprendere ai vertici dell’ Amat che è necessario stare più vicini agli autisti e agli operatori in genere. Fatti come questo sono intollerabili, mentre una sola parola qualifica chi ha sferrato il pugno rompendo il naso all’autista: Vigliacco. Speriamo che attraverso le telecamere venga individuato presto”, concludono i quattro consiglieri della Lega.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin