Coronavirus: buoni spesa e pacchi di cibo, arrivano in Sicilia soltanto 43 milioni di euro :ilSicilia.it

firmata l'ordinanza da Borrelli

Coronavirus: buoni spesa e pacchi di cibo, arrivano in Sicilia soltanto 43 milioni di euro

di
30 Marzo 2020

Buoni spesa o pacchi di cibo che verrebbero consegnati dai volontari. Sono due i modi con cui i Comuni potranno utilizzare i 400 milioni dell’ordinanza per la “solidarietà alimentare”. L’ordinanza che stanzia i fondi è stata firmata dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

Il testo finale conferma che il contributo per ciascun comune non potrà essere inferiore a 600 euro. L’80% del totale, 320 milioni, verrà ripartito tra le amministrazioni in base alla popolazione, mentre il 20%, 80 milioni, verrà distribuito in base alla differenza tra il reddito pro capite e il reddito medio nazionale.

Una misura per dare un sostegno agli italiani più in difficoltà e che per colpa dell’emergenza coronavirus non riescono più a fare la spesa, o perché rimasti senza stipendio o perchè lavoravano in nero.

Fondi che però, secondo i sindaci, sono insufficienti a contrastare l’aumento della povertà. Leoluca Orlando ha parlato di risorse che basterebbero appena per due settimane e ha chiesto al governo di far presto a erogarli per consentire al Comune di Palermo di provvedere subito alle necessità poiché già 4.500 famiglie hanno chiesto aiuto all’amministrazione.

I buoni spesa consentirebbero l’acquisto di generi alimentari in una serie di esercizi commerciali contenuti in un elenco pubblicato da ogni amministrazione. Sul valore è ancora in corso tra i tecnici dell’Anci la definizione dei criteri che dovranno poi definire sia l’importo sia la quantità assegnabile ad ogni nucleo familiare.

A distribuire i pacchi spesa, come ha detto Borrelli, saranno invece i volontari appartenenti al terzo settore. Ai beni distribuiti dallo Stato si aggiungeranno poi le eventuali donazioni dei privati: singoli cittadini, produttori o distributori alimentari. Alla Sicilia arriveranno 43, 4 milioni di euro.

A individuare la platea dei beneficiari saranno i servizi sociali di ogni singolo Comune, che dovranno selezionare tra “i nuclei familiari più esposti agli effetti economici” e tra quelli “in stato di bisogno“, per soddisfare “le necessità più urgenti“.

Ma l’ordinanza prevede che prioritariamente debbano essere aiutate quelle famiglie che non percepiscono già “un sostegno pubblico“: dunque prima chi non riceve il reddito di cittadinanza o altri aiuti come il reddito d’inclusione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.