Coronavirus, Chinnici: "Grazie alla Polizia di Stato per il loro lavoro e sostegno" :ilSicilia.it
Palermo

A nome del Comitato Borgo Vecchio

Coronavirus, Chinnici: “Grazie alla Polizia di Stato per il loro lavoro e sostegno”

10 Aprile 2020

La Polizia di stato sta lavorando costantemente per tutelare i cittadini e aiutare le persone in difficoltà. La consigliera Valentina Chinnici porge i ringraziamenti all’Arma.

“A nome del Comitato Borgo Vecchio nel cuore, esprime la propria gratitudine alla Polizia di Stato, che in questi giorni così difficili sta mostrando la sua vicinanza fattiva alle persone in situazioni di forte difficoltà, tramite anche le associazioni che collaborano strettamente con il Comune per offrire fin dalle prime fasi un aiuto tempestivo perché nessuno resti fuori dalla rete di solidarietà” dice Chinnici.

Comitato Borgo Vecchio, Chinnici

Tutto il corpo di Polizia – prosegue -, oltre ad essere impegnato ogni giorno in prima linea in questa situazione delicatissima di emergenza, ha compiuto un gesto di grandissima generosità, acquistando e donando oltre 400 buoni pasto per venire incontro ai bisogni più urgenti delle fasce più fragili della popolazione. Un modo semplice e immediato per rendere concreto il motto stesso della Polizia, “Esserci sempre”, e soprattutto ora.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.