Coronavirus: cinque giocatori positivi in casa Samp, fra questi l'ex Palermo La Gumina :ilSicilia.it
Palermo

COINVOLTI GABBIADINI, COLLEY, EKDAL E THORSBY

Coronavirus: cinque giocatori positivi in casa Samp, fra questi l’ex Palermo La Gumina

13 Marzo 2020

Dopo il caso che ha visto coinvolto l’attaccante Manolo Gabbiadini, altri quattro giocatori della Sampdoria sono risultati positivi al coronavirus in casa Sampdoria, fra questi l’ex Palermo Antonino La Gumina.  E’ questa la notizia diramata dai canali ufficiali del club genovese.

Fra i tesserati, il tampone ha dato esito affermativo anche per il dottor Amedeo Baldari. Dopo la positività di Daniele Rugani, aumenta la lista dei calciatori colpiti dal covid-19.

IL COMUNICATO DEL CLUB

L’U.C. Sampdoria comunica che, a seguito alla positività al Coronavirus-Covid-19 di Manolo Gabbiadini, in presenza di lievi sintomi sono stati sottoposti a tampone, con esito positivo, i calciatori Omar Colley, Albin Ekdal, Antonino La Gumina, Morten Thorsby e il dottor Amedeo Baldari. Sono tutti in buone condizioni di salute e nei loro domicili a Genova“, scrive la società.

Il club, allo stesso tempo, tiene a “ribadire di aver immediatamente applicato tutte le procedure previste dalla normativa. Tutte le sedi del club sono chiuse. La squadra, i dirigenti e i dipendenti potenzialmente coinvolti sono in auto-isolamento domiciliare volontario. Si conferma che tutte le attività sportive sono sospese e che vengono svolte, da remoto, quelle essenziali organizzative del club“.

Dopo avere chiarito il quadro della situazione, la società blucerchiata rivolge un appello: “Il presidente Massimo Ferrero, i dirigenti, Claudio Ranieri e la squadra invitano tutti a rispettare, con rigore e fermezza, le disposizioni ministeriali e regionali per affrontare insieme, con coraggio e spirito di sacrificio collettivo, questo periodo. Andrà tutto bene. Uniti ce la faremo. Restate a casa. Forza Samp!“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.