Coronavirus, cinque siciliani in quarantena :ilSicilia.it

Si trovano a bordo della nave da crociera Diamond Princess

Coronavirus, cinque siciliani in quarantena

di
11 Febbraio 2020

Aumentano i contagi a bordo della nave da crociera Diamond Princess, bloccata in quarantena a Yokohama. 65 i passeggeri contagiati dal coronavirus, di cui 35 sono italiani. Il sindaco di Pozzallo annuncia la presenza di cinque cittadini siciliani.

Diamond Princess, crociera, coronavirusLa crociera da sogno che trasporta 3.711 passeggeri lungo i mari asiatici si è trasformata in una quarantena forzata a causa della presenza a bordo di un ottantenne positivo al virus 2019-n-Cov, salito durante la tappa di Hong Kong.

In provincia di Ragusa, il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna riferisce che “ci siamo sentiti fino a ieri sera, a bordo mi risulta ci siano 35 italiani, cinque di loro sono di Pozzallo. Tre sono i membri di equipaggio e due loro familiari. -continua il sindaco –  Ieri sera ho sentito la moglie di uno dell’equipaggio, anche lei imbarcata. Sono un po’ preoccupati ma sereni. Stanno bene, non hanno segni di malattia. Oggi faranno dei nuovi prelievi e sono seguiti con la massima attenzione”.

“Il problema – aggiunge il primo cittadino – è più che altro psicologico, attendono la data del 19 che dovrebbe essere la fine del periodo di osservazione e la loro speranza è quella di potere essere trasferiti e rientrare in Italia».

A bordo, però, la vita continua in condizioni di reclusione totale, dove i passeggeri sono costretti all’isolamento nelle loro stanze e sottoposti a continui test per verificare le loro condizioni in una situazione di stress psicologico molto pesante.

I passeggeri per quanto mi dicono – conclude il sindaco di Pozzallo – sono chiusi nelle cabine ma il personale continua a lavorare per garantire i servizi a bordo e la situazione è tranquilla”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.