Coronavirus, Confintesa Sicilia: "Operatori sanitari in guerra senza mezzi" :ilSicilia.it

Mancano i dispositivi di protezione individuale

Coronavirus, Confintesa Sicilia: “Operatori sanitari in guerra senza mezzi”

25 Marzo 2020

Medici, infermieri, Oss, autisti-soccorritori del 118, in guerra senza i mezzi adeguati. Loro hanno solamente la nostra gratitudine, ma da sola non basta contro il CoVid-19. Dal Nosocomio ‘Cervello’, pieno di casi di CoVid-19, arriva l’appello ‘Cercasi DPI (dispositivi di protezione individuale) disperatamente, mascherine, tute e guanti. I sanitari del pronto soccorso del Cervello vogliono continuare a lavorare per Palermo“. E’ quanto evidenzia in una nota Confintesa Sicilia.

Per tentare di risolvere l’increscioso problema si è arrivati a chiedere una donazione. L’associazione ‘Piera Cutino‘ ha dato la disponibilità del conto corrente per un tempo limitato, per la raccolta fondi. Capiamo i sanitari del Cervello che pur di tutelarsi tentano tutte le strade possibili e ringrazio naturalmente l’associazione Piera Cutino a noi cara, ma Confintesa – dichiarano Domenico Amato, segretario Confintesa Sanità Sicilia e Renato Agugliaro, segretario provinciale di Confintesa UGS Medici Palermo – non può accettare questa vergognosa e criminale situazione“.

Da tempo – aggiungono – abbiamo scritto sullo stato increscioso della Sanità siciliana e sulla mancanza del benché minimo dispositivo di sicurezza e nulla di concreto è ancora stato fatto, solo i proclami Tv o a mezzo social media abbondano, mille promesse ahimè ancora non mantenute. Sia chiaro che, se e quando questa atroce emergenza sanitaria mondiale terminerà, speriamo il prima possibile, Confintesa adirà tutte le vie possibili per perseguire le colpe di chi ha permesso che in Sicilia si arrivasse a questo punto a dir poco parossistico“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona