Coronavirus, Coop: "Accesso prioritario per operatori sanitari, protezione civile e volontari :ilSicilia.it

"L’unione fa la spesa”

Coronavirus, Coop: “Accesso prioritario per operatori sanitari, protezione civile e volontari

25 Marzo 2020

Il progetto “L’unione fa la spesa” di Coop Alleanza 3.0 si estende anche agli operatori della sanità, al personale della Protezione Civile e ai volontari, i quali avranno accesso prioritario nei punti vendita, e saranno autorizzati a superare eventuali code all’ingresso del negozio.

Da oggi, mercoledì 25 marzo, su tutta la rete di vendita di Coop Alleanza 3.0, – fa sapere una nota – gli operatori della sanità, assieme al personale della Protezione Civile e ai volontari che partecipano al progetto “L’unione fa la spesa” avranno accesso prioritario nei nostri punti vendita, e saranno autorizzati a superare eventuali code all’ingresso del negozio”.

“La decisione è stata presa per sostenere il personale sanitario, impegnato a fronteggiare l’emergenza Covid-19 con scarsità di tempo per il riposo e l’organizzazione della vita quotidiana. Corsia preferenziale anche per i volontari della Protezione civile e per quelli impegnati ad aiutare le persone più fragili, come per l’iniziativa di consegna a domicilio “L’unione fa la spesa”.

Per accedere ai negozi con priorità occorrerà esibire il badge o il tesserino di riconoscimento.

La priorità nell’effettuare la spesa – dice Coop Alleanza 3.0 – è per noi un modo semplice e diretto per sollevarli, almeno in parte, da questa incombenza. Sono queste giornate caotiche per chi si occupa della nostra salute e della nostra sicurezza. Siamo sicuri di incontrare l’apprezzamento dei soci e clienti della Cooperativa, consapevoli che la solidarietà è da sempre parte integrante della nostra missione”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona