Coronavirus, crolla l'economia siciliana: fatturati in picchiata fino al 20% :ilSicilia.it

Lo studio del CERVED

Coronavirus, crolla l’economia siciliana: fatturati in picchiata fino al 20%

3 Aprile 2020

Sono sempre più nere le prospettive per l’economia regionale a causa dell’emergenza Coronavirus che ha visto la chiusura obbligata della stragrande maggioranza delle attività dell’Isola. Per le imprese in Sicilia si prospetta una ecatombe, con perdite di fatturato stimate tra i 5,1 e i 10,5 miliardi di euro.

Lo scenario a tinte fosche, per usare un eufemismo, è quello dipinto da uno studio del Cerved, al quale il dipartimento dell’Economia della Regione si è affidato per la pianificazione degli interventi economico-finanziari per fronteggiare la grave crisi causata dall’emergenza Covid-19.

Le ipotesi tenute in considerazione dal Cerved sono due, quella base e quella pessimistica, basate sull’orizzonte temporale della crisi in atto. Se l’emergenza dovesse terminare a maggio, le perdite per il sistema produttivo sarebbero del 9,6%, con un calo di fatturato di 5,1 miliardi; nell’ipotesi peggiore, con l’emergenza fino a dicembre, la contrazione arriverebbe al 19,7% con un crollo del fatturato di 10 miliardi e mezzo.

Secondo lo studio, le attività che subiranno le maggiori ripercussioni sono il settore alberghiero e quello delle agenzie di viaggio: nel primo caso le perdite vengono stimate tra il 37,5% e il 73,3%, nel secondo tra il 35,5 e il 68,8%. “Questo scenario induce a riflettere sulla necessità di programmare iniziative di carattere finanziario economico più forti ed integrate a livello regionale”, si legge nel rapporto dell’assessorato all’Economia.

Il settore turistico, come detto, sarà quello che subirà i danni più ingenti, come preconizza anche un altro studio realizzato dal servizio statistica ed analisi economica della Regione siciliana, a inizio marzo. In questo caso si è  stimato che, limitatamente al periodo febbraio-maggio di quest’anno, in Sicilia la riduzione delle presenze turistiche genererà una perdita economica sul valore aggiunto di oltre 700 milioni di euro, pari all’11,4% dei consumi turistici del 2019, con la perdita di 13.600 posti di lavoro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.