Coronavirus, De Luca non arretra: "No allo scontro con il Prefetto, ma il coprifuoco resta” :ilSicilia.it
Messina

il sindaco non revoca l'ordinanza

Coronavirus, De Luca non arretra: “No allo scontro con il Prefetto, ma il coprifuoco resta”

di
13 Marzo 2020

Il sindaco di Messina Cateno De Luca conferma di non voler revocare l’ordinanza sul coprifuoco a Messina per l’emergenza Coronavirus.

“Questa mattina – rende noto il primo cittadino – ho sentito il Prefetto di Messina, a seguito della nota che abbiamo inviato ieri ai suoi uffici, in cui si esprimevano tutte le incongruenze del nuovo DPCM, insieme a dei quesiti che attendono risposta. Non c’è dunque nessuno scontro con la Prefettura, la quale ha predisposto una nota di accompagnamento alla nostra relazione, da inviare alla Presidenza del Consiglio e al Ministero della Sanità. Si tratta di questioni delicate, dal nostro punto di vista fondate e che come tali vanno trattate, ovvero con estrema cautela. Continua la collaborazione tra le Istituzioni ma il coprifuoco introdotto dall’ordinanza n. 60 resta”.

Così il sindaco spiega la sua volontà di non arretrare in merito alla contestazione di ieri da parte del Viminale e in seguito della Prefettura cittadina, circa l’ordinanza sindacale con cui si anticipava il Governo su alcune disposizioni, mentre su altre si andava più a fondo, tramite l’introduzione di un capillare coprifuoco, eccezione fatta per i generi di prima necessità.

Ieri, tramite un comunicato del Ministero degli Interni e la successiva nota del Prefetto Maria Carmela Librizzi, si dichiaravanoinefficaci le decisioni del sindaco De Luca contenute nell’ordinanza n. 60″, ritenendo l’atto “in contrasto con i provvedimenti di contenimento e gestione dell’emergenza”. “Ci sono anche altri provvedimenti che stiamo definendo – conclude il primo cittadino di Messina – i quali riguardano il trasporto pubblico locale, la sanificazione cittadina ed i servizi municipali. Vi invito a rimanere a casa, il momento è delicato”.

“Dobbiamo evitare di uscire per tutto ciò che non è indispensabile – conclude De Luca -. Ringrazio gli imprenditori che volontariamente hanno chiuso le proprie attività. Non è il momento di sottovalutare la situazione. Con grande senso di responsabilità, salvaguardiamo la nostra vita per uscire al più presto da questa emergenza che ha coinvolto l’Italia e il mondo”. In serata il sindaco di Messina comunicherà le modifiche all’ordinanza Coprifuoco, alla luce del comunicato che ieri ha fatto il Viminale, oltre alla nota del Prefetto di Messina.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin