Coronavirus, Donato: “Inadeguata la gestione dei presidi ospedalieri in Sicilia" :ilSicilia.it

L'appello dell'eurodeputata del Carroccio

Coronavirus, Donato: “Inadeguata la gestione dei presidi ospedalieri in Sicilia”

di
23 Marzo 2020

Non possiamo più aspettare che la situazione peggiori e, quindi, è necessario rimodulare gli attuali modelli di gestione dell’emergenza, assolutamente inefficaci, uniformandoli a tutto il territorio nazionale, comprese le isole Sicilia e Sardegna, garantendo soluzioni rapide ed efficaci che scongiurino ulteriori rischi di focolai in modo particolare nelle strutture sanitarie. Inoltre, non basta l’adozione degli attuali provvedimenti. Le criticità sono molto elevate e le conseguenze sanitarie, sociali ed economiche di continue inadeguatezze, non tarderanno a manifestarsi con una gravità molto maggiore di quella fino adesso percepita”.

È quanto afferma l’europarlamentare Francesca Donato (Lega) che lancia un appello al Ministro della Sanità, ai vertici della Protezione civile e a tutti i responsabili regionali e locali, “affinché effettuino senza indugi tutti gli interventi necessari indicati dal medico Giuseppe Imbalzano”.

Francesca Donato“Il diffondersi del contagio di Covid-19 fra gli operatori sanitari, con picchi spaventosi in regioni come la Sardegna e le criticità già esistenti in Sicilia, dimostra a livello nazionale che la gestione dei presidi ospedalieri è stata, sino ad oggi, carente. Lo stesso Dott. Giuseppe Imbalzano, ex direttore sanitario di diverse ASL lombarde e specialista in igiene e medicina preventiva, in una lettera aperta alla virologa Ilaria Capua, ha elencato una serie di misure che andrebbero prese per scongiurare il rischio, ormai già concretizzatosi, che gli ospedali diventino il principale focolaio dei contagi”.

“Ciò che spiega Imbalzano  aggiunge l’europarlamentare – è la necessità di separare le strutture di assistenza e ricovero dedicate ai pazienti positivi, rispetto alle strutture miste; di dotare tutto il personale operante di dispositivi e presidi di sicurezza completi e adeguati; di predisporre l’assistenza a domicilio per tutti i soggetti a rischio (es. chemioterapie, visite specialistiche e altro), per evitare i ricoveri ospedalieri; di assicurare la separazione dei positivi anche dalle famiglie”.

“Sono assolutamente convinta – ha concluso Francesca Donato – che la capacità del nostro sistema di rispondere a questa emergenza in modo lucido, organizzato e capace di gestire la complessità della situazione, sarà lo strumento migliore anche per dare conforto e certezze alle preoccupazioni dei cittadini e dei mercati. E tutto ciò ci garantirà la ripresa necessaria, graduale ma costante, dall’attuale situazione di emergenza e delle attività lavorative a pieno regime, evitando danni esponenziali all’economia dell’intero Paese”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin