Coronavirus: due giovani violinisti siciliani conquistano i Coldplay | VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

Mirko e Valerio, di Agrigento

Coronavirus: due giovani violinisti siciliani conquistano i Coldplay | VIDEO

di
22 Marzo 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Dopo la performance del DJ palermitano che ha conquistato Jennifer Lopez (LEGGI QUI), altri giovani talenti siciliani arrivano nel panorama internazionale della musica.

Mirko e Valerio sono due fratelli gemelli di soli 12 anni, originari di Agrigento; in piena emergenza Coronavirus hanno deciso di esibirsi nella loro specialità – il violino – con alcuni video su Facebook.

Domenica scorsa hanno suonato un noto brano dei Coldplay: «Abbiamo pensato di passare un po’ di tempo con voi tutti, da Nord a Sud; per noi la musica è la nostra valvola di sfogo, speriamo la possiate utilizzare anche voi, VIVA LA VIDA dei Coldplay ci è sembrato un brano perfetto per questa domenica di sole e speranza.#Andràtuttobene», hanno scritto nella loro pagina “Mirko E Valerio Violinisti Little Band”.

L’esibizione ora è diventata virale sui social network. Tanto da arrivare persino ai Coldplay, la band inglese che conta milioni di fan in tutto il mondo, tra i più importanti artisti del panorama musicale mondiale.

«Grazie, ragazzi. Forza Italiani!», ha scritto su Facebook la band guidata da Chris Martin (voce, pianoforte, chitarra acustica) e composta da Jonny Buckland (chitarra elettrica), Guy Berryman (basso) e Will Champion (batteria).

Mai avrebbero immaginato un successo simile i due fratelli agrigentini. Nel loro curriculum diverse ospitate nei teatri e piazze siciliane, un’esibizione a “I fatti vostri” su Rai2 e nel talent “I Band” su La5.

Dopo la condivisione della loro talentuosa performance, i giovani violinisti hanno ringraziato i Coldplay: «Un ringraziamento speciale va ai Coldplay che ci hanno regalato un risveglio straordinario condividendo il nostro video. Grazie, grazie grazie di cuore. Ci avete regalato una gioia immensa». 

La Sicilia che ci piace e di cui andare fieri.

Chissà se – una volta terminata l’emergenza Covid-19 – i Coldplay decideranno di tornare ad esibirsi in Italia, incontrando magari questi giovanissimi siciliani e i fans di tutto lo Stivale. Sarebbe il regalo più bello per tutti gli appassionati di musica. L’ultimo loro tour (con concerto a Milano, sold out) risale infatti al 2017.

 

IL POST DEI COLDPLAY SU FB:

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.