Coronavirus e Cinema: gli effetti della pandemia sul "grande schermo" :ilSicilia.it

rinviate le uscite di molti film e interrotte le riprese

Coronavirus e Cinema: gli effetti della pandemia sul “grande schermo”

di
24 Marzo 2020

Non c’è ambito in cui il Coronavirus non si stia ripercuotendo e, tra gli altri, anche sull’industria del Cinema.

Tra uscite nelle sale, nazionali e internazionali, e riprese interrotte le problematiche sorte dalla diffusione dell’epidemia stanno costringendo gli operatori del settore a nuove strategie per tamponare gli effetti dello stop delle attività.

Se da un lato è certo che fino al 3 aprile – ma sicuramente la data verrà spostata ancora in avanti – gli esercenti staranno a saracinesche abbassate dall’altro le major internazionali stanno riflettendo su nuove possibili fruizioni, da casa ovviamente, che scongiurino il tracollo economico della ‘macchina cinema‘.

I FILM IN USCITA RINVIATI

I film che sarebbero dovuti uscire in queste settimane sono tanti. Partiamo da “No time to die” il 25° film della saga di James Bond, per la regia di Carry Fugunata, previsto nella sale per aprile e posticipato al 12 novembre 2020 (secondo le previsioni questo posticipo potrebbe costare dai 30 ai 50 milioni di dollari) lo stesso, ma con slittamento, più ampio, “Fast and Furius 9” che uscirà nelle sale il 2 aprile 2022 (sarebbe dovuto uscire il 20 maggio 2020).

Anche la Disney ha posticipato più di una pellicola: dal 5 marzo al 16 aprile per “Onward“, “Mulan” dal 27 marzo slitta a data destinarsi, anche “The New Mutants“, girato ormai tre anni fa e rimaneggiato più volte, sarebbe dovuto uscire a inizi aprile; e “Black Widow“, programmato in Italia per il 30 aprile al momento è stato rimandato.

I FILM IN LAVORAZIONE INTERROTTI

Il film “The Batman“, in lavorazione tra Londra e Glasgow, è stato interrotto per almeno due settimane; annullate, invece, le riprese di “Animali Fantastici 3” che avrebbero dovuto avere inizio in questi giorni.

Le riprese di Matrix 4, atteso per il 21 maggio 2021, sembrano al momento continuare; in stand by, infine, “Jurassic World: Dominion“.

E se proprio dagli addetti ai lavori arrivano le proposte di streaming anche per le prime cinematografiche (come sta già facendo la Universal Pictures anche in Italia con la piattaforma Chili), con la richiesta di un biglietto simbolico da pagare on-line molti, soprattutto gli artisti, storcono il naso sostenendo, a spada tratta, la necessità di non snaturare l’esperienza della sala cinematografica – dal buio alla resa degli strumenti altamente professionali – attendendo tempi migliori.

Di sicuro, nei prossimi mesi, assisteremo ad epocali cambiamenti anche nella semplice visione di un film.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin