Coronavirus e libri: ecco i numeri della crisi del settore editoriale :ilSicilia.it

18.600 i titoli che non verranno pubblicati in un anno

Coronavirus e libri: ecco i numeri della crisi del settore editoriale

di
25 Marzo 2020

Non c’è ambito, ce ne rendiamo conto ogni giorno di più, su cui il dilagare dell’epidemia da Covid-19 non influisca generando una caduta economica gravissima.

Dai mercati finanziari, i cui dati sono sotto gli occhi di tutti diffusi da telegiornali e programmi di approfondimento, ai diversi

Secondo le stime saranno migliaia, precisamente 18.600, i titoli che non verranno pubblicati in un anno, 39,3 milioni di copie che non saranno stampate, 2.500 titoli che non saranno tradotti.

libri

Questi dati emergono dalle prime rilevazioni dell’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori sull’impatto che l’emergenza Covid-19 avrà in prospettiva 2020 sull’intera editoria italiana.

Al pari di cinema, teatri, fondazioni, aziende di vari settori l’editoria avrà una forte caduta in seguito all’espandersi dell’epidemia, per questo si sta provvedendo a chiedere un intervento specifico del Governo che sostenga la filiera con strumenti di emergenza, analoghi a quelli degli altri settori, che garantiscano l’esistenza di librerie, editori, promotori, distributori di libri, traduttori.

Secondo i primi dati riscontrati, già al 20 marzo, il 61% degli editori ha già fatto ricorso alla cassa integrazione o la sta programmando, pesando anche una riduzione pari al 25% delle novità in uscita.

Sul sito dell’Associazione Italiana Editori è possibile rimanere sempre aggiornati iscrivendosi alla newsletter che, soprattutto dall’inizio dell’epidemia, è ancora più attenta alle evoluzioni del settore.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.