Coronavirus e Mes, Tardino (Lega) attacca il M5s: "Noi unici a votare no, gli italiani aspettano ancora i soldi" :ilSicilia.it

"DA PARTITO DEL VAFFA A GREGARI DEL PD"

Coronavirus e Mes, Tardino (Lega) attacca il M5s: “Noi unici a votare no, gli italiani aspettano ancora i soldi”

di
11 Aprile 2020

L’europarlamentare della Lega Annalisa Tardino, commenta duramente le parole del premier Giuseppe Conte, a proposito del Mes e dell’emergenza coronavirus.

Dopo l’attacco diretto di ieri sera del presidente Conte, che ha abusato di uno strumento eccezionale, quale la possibilità di comunicare a reti unificate, molti esponenti dei cinque stelle, evidentemente non paghi, continuano ad insultare gratuitamente la Lega“.

Un particolare appunto viene rivolto all’eurodeputato grillino Ignazio Corrao.

Da siciliana sono veramente esterrefatta dalle dichiarazioni che si leggono sul profilo del collega europarlamentare Corrao, che certo ben potrebbe distinguersi dalla massa del movimento, e per la sua ossessione contro Salvini che, così come il suo amico Giancarlo Cancelleri, definisce routinariamente ‘libero ruttatore’. Evidentemente se usano con tale facilità il termine rutto viene da pensare che sia una cosa a loro molto familiare. Altrimenti non si spiega! Da Corrao mi sarei aspettata che si occupasse di contenuti, ma è evidente che l’unica missione dei grillini sulla terra è proprio insultare, ed è così che vogliono cambiare l’Italia: da culla della cultura a culla di beceri. D’altronde basterebbe ricordarsi che tutto nacque da un ‘Vaffa’!“, sottolinea Annalisa Tardino.

Ricordo agli amici grillini che la Lega è l’unico partito ad avere votato contro il MES in Parlamento nel 2012, siamo poi stati contrari alle modifiche successive e siamo contrari oggi alla sua attivazione, semplicemente perché non vogliamo che il nostro Paese faccia la fine della Grecia. Posizione, invece, non proprio chiara nel Governo, viste le dichiarazioni di giubilo del PD post Eurogruppo“.

Ma la ‘credibilità’ dei 5 stelle è tutta appesa al ‘Mai col PD’, quel Pd di cui sono divenuti gregari, avallando la nomina di Gentiloni a Commissario europeo e di Gualtieri, relatore del Mes al Parlamento europeo nel 2011, a Ministro dell’Economia“.

Tutto ciò mentre gli italiani non hanno ancora visto arrivare 1 euro, nonostante le parole, le promesse, i decreti. Quindi forse meglio concentrarsi sugli insulti, quelli sì, per tentare di nascondere la propria incapacità congenita e quella di questo governo che, purtroppo, è sotto gli occhi di tutti”, chiosa la Tardino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin