Coronavirus e migranti, Musumeci: "Se potessi chiuderei i porti" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Coronavirus e migranti, Musumeci: “Se potessi chiuderei i porti”

di
13 Agosto 2020

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ospite de “La vita in diretta”, su Rai 1 ribadisce la sua preoccupazione per i casi di covid presenti tra i migranti arrivati in Sicilia nelle ultime settimane: “Se avessi il potere chiuderei i porti perchè sono convinto che questo fenomeno continuerà anche nelle prossime settimane creando tensioni sociali oltre che preoccupazioni“, ha affermato il governatore.

Vogliamo che i migranti restino sulle navi per l’eventuale quarantena e che poi vengano ridistribuiti in base alle scelte del governo. Abbiamo chiesto nuove forze militari”, ha aggiunto Musumeci.

In Sicilia – ha aggiunto – siamo cinque milioni di abitanti e adesso siamo probabilmente anche un milione in più tra vacanzieri e rientri di siciliani che vivono altrove. Fortunatamente abbiamo pochissimi pazienti affetti da Coronavirus in terapia intensiva. Richiamare all’ordine è utile per poter convivere con questa malattia. La responsabilità ci consente di poterci godere la vita. Siamo una regione di frontiera e dobbiamo vivere su questi due fronti caldi: Coronavirus e migranti“.

Facciamo appello alla responsabilità collettiva, lo stesso appello che ha dato frutti nei tre terribili mesi quando tutti si aspettavano che dalla Sicilia arrivasse una dilagante epidemia, invece il popolo siciliano ha rispettato le regole – prosegue il presidente -. Il liberi tutti ha contaminato i più giovani. Adesso, però i dati ci dicono che anche i giovani possono risultare positivi e c’è il pericolo che da asintomatici possano contagiare genitori e nonni particolarmente vulnerabili magari perchè anziani o vecchi”.

Io ritengo che sia necessario un appello alla responsabilità specialmente in questi giorni in cui la notte di ferragosto può indurre a un abbassamento del livello di responsabilità. Ho adottato anche un’ordinanza – ha ricordato Musumeci – che consente, da un lato di tornare alla mascherina negli ambienti esterni e vigilare su chi residente o domiciliato in Sicilia sia stato anche solo in transito a Malta, in Grecia o Spagna, perchè quella situazione epidemiologica ci preoccupa. I turisti hanno l’obbligo di scaricare app ‘Sicilia sicura’ e saranno vigilati durante la loro presenza nell’isola, possiamo tracciare i loro percorsi. E’ un sistema che permette loro di rilassarsi ma con le dovute cautele“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47