Coronavirus, emergenza a Lodi: impennato il numero di ricoveri :ilSicilia.it

L'aumento è stato riferito dal governatore della Lombardia

Coronavirus, emergenza a Lodi: impennato il numero di ricoveri

28 Febbraio 2020

“Purtroppo questa notte è scoppiata un’altra emergenza a Lodi“. Lo ha spiegato il presidente della Lombardia Attilio Fontana.

“A Lodi improvvisamente nel pomeriggio di ieri c’è stato un affollamento di ricoveri: 51 ricoveri gravi di cui 17 in terapia intensiva. Lodi non ha un numero sufficiente di camere di terapia intensiva per cui sono stati trasferiti in altre terapie intensive della Regione”.

È possibile che il virus Sars-Cov-2 abbia cominciato a circolare 2-3 settimane prima che venisse scoperto una settimana fa il paziente 1, il 38enne di Codogno: a suggerire quest’ipotesi, su cui stanno ora ragionando gli esperti, è l’aumento anomalo dei casi di polmonite nel lodigiano, zona focolaio dell’epidemia, segnalati dai medici della zona.

È vero, quest’inverno c’è stata un’impennata di forme polmonari a lunghissima durata, già da dicembre. – riferisce Massimo Vajani, presidente dell’ordine dei medici di Lodi  – Di solito queste forme si risolvono in 10-15 giorni, ma “a me, come ad altri colleghi, è capitato di avere diversi pazienti per cui ci è voluto molto più tempo perché passassero, ben un mese e mezzo. Un tempo insolitamente lungo“.

Complessivamente di forme polmonari “quest’inverno ce ne sono state tante – continua -, più del solito, anche se non sappiamo se siano state causate dal coronavirus”. Però l’aumento di queste forme polmonari più lunghe del previsto, in quella zona, per molti potrebbe essere l’indizio che il coronavirus stesse circolando prima che emergesse il primo caso ufficiale”.

Secondo l’epidemiologo Gianni Rezza dell’Istituto superiore di Sanità (Iss), “non si può escludere, anche se al momento non abbiamo dati precisi sulle polmoniti nella zona“.

È molto probabile, se non quasi sicuro, per Rezza, che il virus abbia iniziato a circolare nella zona già a gennaio: “se consideriamo che il primo caso è stato identificato il 21 febbraio, una settimana dopo i primi sintomi, e che c’è un tempo di incubazione di circa 2 settimane, dobbiamo tornare indietro di tre settimane e retrodatare l’inizio della circolazione del virus a gennaio. – conclude l’epidemiologo – Ormai bisogna contenere l’epidemia“.

La situazione all’estero.

E’ un italiano rientrato da Milano il 25 febbraio il primo contagiato dal nuovo coronavirus in Nigeria. Il ministero della Salute nigeriano precisa che “il paziente è ricoverato in ospedale nello stato di Lagos in condizioni stabili e non presenta sintomi preoccupanti”.

Salgono a 17 i contagi nel Regno Unito: la prima infezione in Irlanda del Nord e la prima in Galles, entrambi su persone provenienti dall’Italia settentrionale, come riferisce la Bbc.

L’Olanda ha annunciato il primo caso: una persona che era rientrata dal nord Italia. C’è un primo caso anche a Nizza: una donna rientrata da Milano, come annunciato il sindaco, Christian Estrosi.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, la denuncia dei medici nella zona rossa: “Malati lasciati soli”

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona