Coronavirus: "Fermare i cantieri in Sicilia, operai non possono rispettare le distanze" :ilSicilia.it

L'APPELLO DELL'ANCE PALERMO

Coronavirus: “Fermare i cantieri in Sicilia, operai non possono rispettare le distanze”

di
12 Marzo 2020

“Èpositivo che l’ultimo decreto del governo permetta di tenere aperti i cantieri edili quando si possono garantire condizioni di sicurezza, purtroppo ciò spesso non è possibile e, in questi casi, le imprese non possono pagare per i ritardi nel completamento delle opere”.

È, in sintesi, il contenuto di alcune lettere inviate dal presidente di Ance Palermo (l’associazione dei costruttori edili), Massimiliano Miconi. A una delle missive ha risposto il Provveditore interregionale alle opere pubbliche di Sicilia e Calabria, Gianluca Ievolella, in cui, per quanto riguarda i cantieri gestiti dai suoi uffici, dispone che “su richiesta dell’appaltatore, si potrà procedere alla sospensione dei lavori (ai sensi del comma 1 dell’art.107 del Codice)”.

“Bisognerà, però, specificare – scrive l’ingegner Ievolella – che la sospensione è stata richiesta dall’impresa e che l’amministrazione vi acconsente, senza che ad essa possano essere addebitati eventuali maggiori oneri o costi”.

Secondo Miconi, in molti cantieri non è possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro, imposta dalla norma per contrastare il Coronavirus. In alcuni casi è inevitabile dover ridurre il numero degli addetti presenti nel cantiere, con la conseguenza che, nel primo caso, i lavori si devono fermare, mentre nel secondo caso i tempi di esecuzione si allungano. In molti casi, gli enti appaltanti, ma soprattutto i committenti privati, si rifiutino di sospendere i lavori o di concordare un maggior tempo, minacciando l’inadempienza contrattuale.

“È necessario – scrive Miconi nella nota inviata al presidente nazionale Gabriele Buia, affinché intervenga presso il governo – poter disporre di una norma di legge che consenta alle imprese di poter certificare, anche con un accordo sindacale di cantiere, l’impossibilità di proseguire i lavori o l’allungamento dei tempi, senza incorrere in penali e risoluzioni contrattuali“.

In una seconda lettera, inviata all’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, Miconi chiede che una disposizione analoga a quella del Provveditore venga inviata dall’assessore agli uffici di competenza.

Marco Falcone
Marco Falcone

LA RISPOSTA DELL’ASSESSORE FALCONE

«Nel drammatico momento storico che viviamo, priorità assoluta del Governo Musumeci è la tutela della salute dei siciliani, ma anche di fare il possibile per limitare gravi ripercussioni dell’emergenza coronavirus sulla già fragile economia siciliana. Ecco perché, recependo il grido d’allarme dell’Associazione nazionale dei costruttori edili, abbiamo disposto lo sblocco anticipato degli stati di avanzamento dei lavori in deroga ai capitolati d’appalto regionali, ove le opere e i cantieri lo rendano necessario. L’indicazione, già peraltro resa possibile dalle stesse previsioni degli appalti, verrà messa nero su bianco attraverso una circolare a firma mia e del direttore generale del Dipartimento regionale tecnico Salvo Lizzio».

Lo dichiara l’assessore alle Infrastrutture della Regione Siciliana Marco Falcone dopo l’appello lanciato anche dal presidente di Ance Catania Giuseppe Piana, a proposito delle difficoltà che sta attraversando il comparto edilizia e costruzioni a seguito delle restrizioni imposte dal Governo nazionale per contenere l’epidemia covid-19.

«In tal modo – prosegue Falcone – veniamo incontro alle esigenze di imprese e lavoratori, forze trainanti della nostra economia che devono essere messe al riparo dalla crisi per garantire l’occupazione e il compimento delle opere. Il Governo Musumeci è impegnato a garantire la regolare prosecuzione dei cantieri – conclude l’assessore – dove è possibile fra rispettare le distanze tra i lavoratori e le altre misure di blocco del contagio». 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.