Coronavirus, Ferrandelli (Più Europa): "Preoccupato dalla gestione della fase 2" :ilSicilia.it

LE PREOCCUPAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE

Coronavirus, Ferrandelli (Più Europa): “Preoccupato dalla gestione della fase 2”

di
5 Maggio 2020

Tra tanta confusione, disposizioni incoerenti, approssimazione e indeterminazione sul da farsi e su un percorso organico che da Roma arrivi con chiarezza a Palermo, è partita ieri la Fase2. Non nascondo la grande preoccupazione di ritrovarci tra 15 giorni con un numero in crescita di contagi. Non mi pare che i palermitani abbiano colto lo spirito della ripartenza e che le istituzioni cittadine si siano adeguate“.

Queste sono le parole del consigliere comunale di Più Europa Fabrizio Ferrandelli.

Le resse nei parchi, dietro i cancelli dei cimiteri, gli assembramenti per strade pedonali e non, l’incremento vertiginoso del traffico di veicoli con addirittura il ritorno dei posteggiatori abusivi, sono per me un indice allarmante di rischio e allarme – sottolinea il politico -. Per questo motivo, in conferenza dei capigruppo, con energia, ho richiesto e ottenuto un Consiglio Comunale urgente alla presenza dei vertici della protezione civile e dell’assessore incaricato”.

“Dobbiamo intervenire tempestivamente e con chiarezza. Con ordinanze efficaci e urgenti! – sottolinea Ferrandelli –. A partire dalle regole chiare, ma anche agevoli e sensate, sulla fruizione delle aree pubbliche, su quelle da gioco, sull’ingresso ai cimiteri, sula viabilità. Ma sopratutto, dobbiamo intensificare ancora di più i controlli sul territorio e svolgere attività di sensibilizzazione. Rischiano di vanificare in poche ore il sacrificio umano, economico, sociale di mesi“.

Il mio impegno continua a tutela di tutti e nel rispetto delle vittime di queste settimane. Vedo, allerto, denuncio ed agisco, con buona pace di chi mi considera fastidioso ed una spina al fianco“, conclude Ferrandelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin