Coronavirus, Ferrandelli (Più Europa): "Preoccupato dalla gestione della fase 2" :ilSicilia.it

LE PREOCCUPAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE

Coronavirus, Ferrandelli (Più Europa): “Preoccupato dalla gestione della fase 2”

di
5 Maggio 2020

Tra tanta confusione, disposizioni incoerenti, approssimazione e indeterminazione sul da farsi e su un percorso organico che da Roma arrivi con chiarezza a Palermo, è partita ieri la Fase2. Non nascondo la grande preoccupazione di ritrovarci tra 15 giorni con un numero in crescita di contagi. Non mi pare che i palermitani abbiano colto lo spirito della ripartenza e che le istituzioni cittadine si siano adeguate“.

Queste sono le parole del consigliere comunale di Più Europa Fabrizio Ferrandelli.

Le resse nei parchi, dietro i cancelli dei cimiteri, gli assembramenti per strade pedonali e non, l’incremento vertiginoso del traffico di veicoli con addirittura il ritorno dei posteggiatori abusivi, sono per me un indice allarmante di rischio e allarme – sottolinea il politico -. Per questo motivo, in conferenza dei capigruppo, con energia, ho richiesto e ottenuto un Consiglio Comunale urgente alla presenza dei vertici della protezione civile e dell’assessore incaricato”.

“Dobbiamo intervenire tempestivamente e con chiarezza. Con ordinanze efficaci e urgenti! – sottolinea Ferrandelli –. A partire dalle regole chiare, ma anche agevoli e sensate, sulla fruizione delle aree pubbliche, su quelle da gioco, sull’ingresso ai cimiteri, sula viabilità. Ma sopratutto, dobbiamo intensificare ancora di più i controlli sul territorio e svolgere attività di sensibilizzazione. Rischiano di vanificare in poche ore il sacrificio umano, economico, sociale di mesi“.

Il mio impegno continua a tutela di tutti e nel rispetto delle vittime di queste settimane. Vedo, allerto, denuncio ed agisco, con buona pace di chi mi considera fastidioso ed una spina al fianco“, conclude Ferrandelli.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.