Coronavirus, Ferrandelli: “Regione si attivi per erogazione Card Covid-19 per fare la spesa” :ilSicilia.it

la nota

Coronavirus, Ferrandelli: “Regione si attivi per erogazione Card Covid-19 per fare la spesa”

di
27 Marzo 2020

C’è un altro aspetto della crisi spaventosa in atto, che non può lasciare indifferente chi come me occupa posti all’interno delle istituzioni seppur non al governo. Mi riferisco a quelle centinaia di persone che si trovano scoperte rispetto ai provvedimenti messi in campo dalle istituzioni nazionali e locali per attenuare gli effetti economici e sociali disastrosi derivati dalle misure di contenimento del Covid -19”.

Così Fabrizio Ferrandelli, esponente nazionale di Più Europa e capo dell’opposizione al Comune di Palermo, che ha richiesto l’intervento urgente della Regione, al seguito del quale è iniziata un’interlocuzione con il vicepresidente Gaetano Armao.

Penso alle migliaia di lavoratori in nero, alle persone che non sono coperte da cassa integrazione o da forme di contributo una tantum, a quelle senza reddito di cittadinanza e agli altri invisibili senza misure di tutela. Tutte persone individuate o individuabili dai servizi territoriali. Nella mia città, in queste ore, circola un video di un padre disperato che avvisa le istituzioni del pericolo sociale derivante dalla fame e mette in guardia da potenziali sommosse che potrebbero partire per l’assenza di strumenti di sostentamento della famiglia. Sono rimasto colpito da questo video – dichiara Ferrandelli – perché, senza ironia alcuna, rappresenta bene lo stato d’animo di chi vive in assenza di tutele e certezze.

Ieri alcuni palermitani hanno provato a forzare l’uscita delle casse di un supermercato per portare la spesa a casa. In queste ore stanno aumentando i furti in auto e nelle seconde case. Per tale ragione – precisa Ferrandelli – ho inviato un messaggio al Presidente della Regione Siciliana per prendere spunto dall’iniziativa della regione Basilicata che ha istituito una carta che consenta di fare la spesa ai nuclei familiari in difficoltà. Una misura straordinaria da dedicare a chi in queste giornate, dovendo stare a casa per garantire la propria incolumità, quella dei propri cari e della comunità, può essere finalmente ristorato rispetto al tema del sostentamento familiare. Un’ idea che già sta trovando riscontro in altre regioni, e che potrebbe vedere nelle prossime ore la divulgazione di provvedimenti analoghi. I Comuni possono essere importanti alleati e potrebbero immediatamente affiancare la Regione per individuare i nuclei familiari grazie alle proprie postazioni decentrate e ai servizi territoriali.

Il Comune di Palermo ad esempio ha iniziato un primo censimento presso le circoscrizioni. Nel giro di pochissimi giorni può arrivare un vero contributo, non lasciando così indietro nessuno – conclude – una social card da quarantena che consenta immediatamente la sopravvivenza in questo periodo che è destinato ad allungarsi. In situazioni di emergenza, non occorre essere né geniali né originali, basta copiare in fretta le buone pratiche e tutelare velocemente i propri conterranei”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.