Coronavirus, Fratelli d'Italia attacca Di Maio: "Riferisca in aula sui soldi concessi alla Tunisia" :ilSicilia.it

LE PAROLE DI CAROLINA VARCHI E ANDREA DELMASTRO

Coronavirus, Fratelli d’Italia attacca Di Maio: “Riferisca in aula sui soldi concessi alla Tunisia”

di
27 Marzo 2020

Carolina Varchi ed Andrea Delmastro, deputati nazionali di Fratelli d’Italia, intervengono relativamente al versamento di 50 milioni di euro a titolo di credito concessi da parte dell’Italia verso la Banca centrale della Tunisia.

carolina varchi, fratelli d'italia
Carolina Varchi

Si infittisce il mistero dei 50 milioni di euro sciaguratamente versati dall’Italia, tramite Cassa depositi e prestiti, alla Tunisia e destinati alle imprese tunisine. Abbiamo depositato un’ulteriore interrogazione che chiede conto del motivo della rimozione della notizia dal sito ufficiale della nostra ambasciata a Tunisi”, sottolineano i due parlamentari.

Fratelli d’Italia pretende che non venga rimossa la notizia, ma venga rimosso, cancellato, azzerato il contributo. Si chieda indietro il contributo anzichè preoccuparsi di rimuovere la notizia. La vergogna non è la propalazione della notizia, ma la contribuzione. Di Maio cerca di nascondere la notizia senza rimediare all’errore compiuto, ormai gli italiani l’hanno colto in flagrante: ritiri contributo alle aziende tunisine!”, chiosano Varchi e Delmastro.

LEGGI ANCHE

Coronavirus, l’Italia versa 50 milioni di euro per le imprese tunisine

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.