Coronavirus, fuga dalla Lombardia per il decreto del governo: molti diretti al Sud :ilSicilia.it

treni presi d'assalto

Coronavirus, fuga dalla Lombardia per il decreto del governo: molti diretti al Sud

di
8 Marzo 2020

La notizia della chiusura della Lombardia per coronavirus, con isolamento dei mezzi di trasporto, ha spinto già da sabato sera migliaia di persone a cercare di fuggire con ogni mezzo da Milano e dalle altre zone della Lombardia. E così, in serata – ancor prima della firma del decreto del governo – in tantissimi hanno cercato di acciuffare un treno per tornare verso casa. In molti sono diretti in regioni del Sud.

Una fuga dalla Lombardia che è andata in scena per tuta la serata, una volta diffusa la notizia del decreto che disponeva l’estensione della zona rossa all’intera regione e regole rigide per lasciare l’area. Evidentemente, l’aver anticipato la notizia a mezzo stampa non è stata da parte del governo Conte una mossa del tutto azzeccata.

Sia la Stazione Centrale che quella di Porta Garibaldi di Milano – scrive l’Agi – fino alle mezzanotte, ora utile per i treni in partenza da Milano soprattutto in direzione Roma e il Sud Italia, hanno visto centinaia di persone accalcarsi per lasciare il capoluogo. A mezzanotte la Polfer ha confermato che non ci sono stati disagi e che sui binari non si sono verificati problemi.

E stamattina stesse scene in stazione centrale a Milano dove molte persone sono in partenza per il Sud dopo la firma del decreto.

Non si notano controlli per chi sale sui treni. Da centrale è partito alle 7.00 il Frecciarossa per Napoli: “Speriamo non lo abbiano cancellato”, dice un viaggiatore che ha deciso di partire dopo la notizia del decreto. Ad accompagnarlo il fratello: “E incredibile – dice -, stanno separando gli affetti”.

Un esodo che spaventa la Puglia, dove è allarme per l’ondata di settentrionali che si sta riversando nella regione in seguito alla chiusura di scuole e uffici per il coronavirus. Da quando poi è filtrata la bozza del decreto sulla chiusura di quasi tutta la Lombardia e 11 province “stiamo passando dall’allarme al panico”, ha detto all’AGI un medico di Bari, non solo tra la gente ma anche tra gli addetti alla Sanità. La fuga in massa dalla zona rossa, ha avvertito, farà diffondere il virus a ritmi esponenziali”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin