Coronavirus, fuga dalla Lombardia per il decreto del governo: molti diretti al Sud :ilSicilia.it

treni presi d'assalto

Coronavirus, fuga dalla Lombardia per il decreto del governo: molti diretti al Sud

di
8 Marzo 2020

La notizia della chiusura della Lombardia per coronavirus, con isolamento dei mezzi di trasporto, ha spinto già da sabato sera migliaia di persone a cercare di fuggire con ogni mezzo da Milano e dalle altre zone della Lombardia. E così, in serata – ancor prima della firma del decreto del governo – in tantissimi hanno cercato di acciuffare un treno per tornare verso casa. In molti sono diretti in regioni del Sud.

Una fuga dalla Lombardia che è andata in scena per tuta la serata, una volta diffusa la notizia del decreto che disponeva l’estensione della zona rossa all’intera regione e regole rigide per lasciare l’area. Evidentemente, l’aver anticipato la notizia a mezzo stampa non è stata da parte del governo Conte una mossa del tutto azzeccata.

Sia la Stazione Centrale che quella di Porta Garibaldi di Milano – scrive l’Agi – fino alle mezzanotte, ora utile per i treni in partenza da Milano soprattutto in direzione Roma e il Sud Italia, hanno visto centinaia di persone accalcarsi per lasciare il capoluogo. A mezzanotte la Polfer ha confermato che non ci sono stati disagi e che sui binari non si sono verificati problemi.

E stamattina stesse scene in stazione centrale a Milano dove molte persone sono in partenza per il Sud dopo la firma del decreto.

Non si notano controlli per chi sale sui treni. Da centrale è partito alle 7.00 il Frecciarossa per Napoli: “Speriamo non lo abbiano cancellato”, dice un viaggiatore che ha deciso di partire dopo la notizia del decreto. Ad accompagnarlo il fratello: “E incredibile – dice -, stanno separando gli affetti”.

Un esodo che spaventa la Puglia, dove è allarme per l’ondata di settentrionali che si sta riversando nella regione in seguito alla chiusura di scuole e uffici per il coronavirus. Da quando poi è filtrata la bozza del decreto sulla chiusura di quasi tutta la Lombardia e 11 province “stiamo passando dall’allarme al panico”, ha detto all’AGI un medico di Bari, non solo tra la gente ma anche tra gli addetti alla Sanità. La fuga in massa dalla zona rossa, ha avvertito, farà diffondere il virus a ritmi esponenziali”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro