Coronavirus, Granata: "Fermare il pericolo di un nuovo reclutamento delle mafie" :ilSicilia.it

Intervento dell'assessore di Siracusa

Coronavirus, Granata: “Fermare il pericolo di un nuovo reclutamento delle mafie”

31 Marzo 2020

“All’indomani della Pandemia di coronavirus bisognerà contrastare in maniera adeguata il grande pericolo di un nuovo reclutamento e avvicinamento da parte delle mafie a gente che ha perso il lavoro e a piccoli imprenditori in difficoltà”.

A sottolinearlo è Fabio Granata, assessore alla Cultura e alla Legalità della Città di Siracusa.

“Questo rischio sarà – prosegue – particolarmente insidioso nei settori del commercio e dei servizi collegati al Turismo, alla ricettività e alla ristorazione. Adesso anche le Mafie subiscono un forzato blocco alle loro attività criminali ma già stanno studiando una strategia e le modalità per rifarsi subito attraverso le straordinarie armi in loro possesso: enormi risorse economiche, anche liquide, da riciclare”.

“Per questo – dice ancora Granata – lo Stato deve far sentire la sua presenza e la sua autorità non solo sotto il profilo sanitario ma attraverso il sostegno sociale al lavoro e alle famiglie più povere. E deve farlo subito e senza burocratismi. Da parte nostra vigileremo su questi settori tenendo un contatto continuo con gli imprenditori e non abbassando la guardia su controlli e verifiche su tutti i passaggi di proprietà o di gestione. Il vantaggio delle Mafie è legato non solo alla loro dimensione economica ma anche alla velocità nelle strategie e nelle decisioni: per questo non possiamo farci trovare impreparati alla sfida. Sia Gratteri che Di Matteo hanno sottolineato questi rischi ma adesso bisogna agire, anche a livello delle singole Città”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.