Coronavirus: "I 100 milioni dal governo Musumeci sono reali, no a fake news" :ilSicilia.it

Lo dichiara Tania Pontrelli (Diventerà Bellissima)

Coronavirus: “I 100 milioni dal governo Musumeci sono reali, no a fake news”

di
26 Aprile 2020

“La tabella ufficiale ci dice, inequivocabilmente, che 261 Comuni su 390 in Sicilia hanno già ricevuto la prima tranche del contributo da destinare alle famiglie bisognose. La domanda da porsi è invece, come mai ancora oggi 129 amministrazioni comunali non abbiano firmato l’atto di adesione”.

Lo dichiara Tania Pontrelli del Direttivo Regionale di Diventerà Bellissima, che interviene sulla polemica relativa ai 100 milioni stanziati dal Governo Musumeci per i Comuni siciliani, per l’emergenza Coronavirus.

Tania Pontrelli
Tania Pontrelli

«I “soliti noti” si lasciano andare all’ennesima fake news. Secondo alcuni  ‘nobili’ esponenti della sinistra e del grillismo, “meno della metà dei Comuni ha fatto richiesta dei fondi della prima tranche da 30 milioni di euro” (relativa ai 100 milioni complessivi stanziati dal  governo Musumeci in favore delle famiglie bisognose). La realtà – dice Pontrelli – è ben diversa e la tabella ufficiale in allegato parla chiaro. Le chiacchiere stanno a zero, i fatti sono tutto. Ben 261 Comuni siciliani su 390 hanno già ricevuto i fondi della prima tranche, ovvero oltre la metà delle amministrazioni comunali della Sicilia. Suona strano, semmai, il fatto che i rimanenti 129 Comuni non abbiano ancora provveduto a firmare l’atto di adesione, o lo abbiano firmato con notevole ritardo.

Un ritardo colpevole e disonesto da utilizzare strumentalmente e capziosamente in taluni casi, attraverso una campagna social imbarazzante (per loro), farcita di sterili slogan contro il governo regionale, reo – a detta degli untori ‘giallorossi’-  di avere promesso soldi inesistenti. Fatti e documenti ci dicono tutt’altro. Per la cronaca, queste amministrazioni comunali ritardatarie sono rette da maggioranze di sinistra (PD) o 5stelle. E se il dubbio è l’anticamera del sospetto e il sospetto trova poi riscontro nei documenti incontrovertibili, va da sé che si potrebbe sospettare che questi 129 Comuni fin qui inadempienti, preferiscano non concedere ristoro ai loro cittadini pur di attaccare vigliaccamente e con dolo, l’azione di governo».

 

SCARICA QUI (PDF) LA TABELLA CON I DATI

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin