Coronavirus: il carrello degli italiani, boom acquisti di patatine +31% :ilSicilia.it

Lo rivela il Report dell'Ismea

Coronavirus: il carrello degli italiani, boom acquisti di patatine +31%

di
30 Marzo 2020

Volano le patatine nel carrello della spesa degli italiani costretti a restare a casa in tempi di Coronavirus.

Gli acquisti sono aumentati del 31,3% in un mese rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Impennata anche per le birre (+13,8%), i dolci spalmabili (+57,7%) e la pizza surgelata (+54,3%).

È quanto emerge dal Report dell’Ismea realizzato all’indomani delle misure restrittive adottate dal governo in risposta all’epidemia, dal 16 febbraio al 15 marzo.

Si tratta dell’‘altra faccia del carrello’, quello forse più appagante in alcuni momenti, dove non sono mancati altri “prodotti comfort” sopratutto nell’ultima settimana presa in esame dal Report.

Se gli affettati mettono a segno un aumento del 39%, le mozzarelle salgono del 43,4%, mentre tra tavolette e barrette di cioccolato si registra +21,9%. Molto gettonati anche i derivati dei cereali che rappresentando oltre il 17% del valore dello scontrino, con un incremento del +24% del valore acquistato.

Diminuiscono invece gli acquisti di ortaggi IV° gamma in busta pronti all’uso, probabilmente per la maggior disponibilità di tempo e la minor conservabilità rispetto ai prodotti freschi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.